Home » News » Calcola rata mutuo Inpdap online: i passaggi da seguire

 

Calcola rata mutuo Inpdap online: i passaggi da seguire

Prestiti e mutuo Inpdap: cosa sono e chi può richiederli

Oltre ad occuparsi della previdenza dei propri iscritti, l’Inps offre a lavoratori e pensionati prestiti e mutui a condizioni agevolate. Finanziamenti che possono essere erogati direttamente dall’Istituto oppure da banche e società finanziarie convenzionate.

Nel primo caso si tratta di linee di credito che l’Istituto finanzia con un proprio Fondo credito, la Gestione unitaria autonoma delle prestazioni creditizie e sociali, alimentato dai contributi degli iscritti. Questi si dicono finanziamenti diretti. I finanziamenti erogati da banche e finanziarie che hanno sottoscritto convenzioni con l’Inps, prendono invece il nome di garantiti.

Calcola rata mutuo Inpdap: tasso di interesse e durata

I prestiti ex Inpdap diretti si dividono in piccoli prestiti e prestiti pluriennali, che consentono rispettivamente di accedere a piccole somme con cui far fronte ad esigenze improvvise e finanziare progetti di varia natura. I piccoli prestiti hanno un importo massimo erogabile pari a otto mensilità medie nette percepite dal richiedente, che si riduce a quattro mensilità se l’iscritto ha altre cessioni del quinto in corso.

I prestiti pluriennali (con una durata di 5 o 10 anni) invece hanno un importo massimo erogabile che varia a seconda della finalità per cui si chiede il finanziamento, come definito dal Regolamento Prestiti Inpdap.

Troviamo poi i mutui ex Inpdap, che consentono di accedere a somme fino a 300 mila euro per l’acquisto di un’abitazione non di lusso da adibire a residenza o per la surroga di mutui prima casa già in corso. In questo caso la durata del piano di ammortamento può essere di 10, 15, 20, 25 o 30 anni.

Come si calcola rata mutuo Inpdap

Sia i piccoli prestiti che i prestiti pluriennali prevedono un tasso di interesse fisso, rispettivamente del 4,25% e 3,50%, mentre chi sottoscrive un mutuo ex Inpdap può scegliere se applicare un interesse un fisso o variabile. I mutui a tasso fisso prevedono un interesse del 2,95% per l’intera durata del rimborso, mentre quelli a tasso variabile hanno un tasso del 3,50% per il primo anno e successivamente un Tan variabile pari all’Euribor a 6 mesi maggiorato di 90 punti base.

Ma come si calcola rata mutuo Inpdap? Sul sito ufficiale dell’Inps è disponibile un prontuario per il calcolo della rata mensile dei prestiti Inps ex Inpdap, tramite il percorso: Home – Archivio – Gestione Dipendenti Pubblici Area Dedicata – Prestazioni – Credito – Calcolo Rata Prestiti.

Attualmente non è disponibile un prontuario per il calcolo della rata mutuo Inpdap, tuttavia è possibile simulare il piano di ammortamento del finanziamento tramite la funzione Simula Mutuo attivabile durante la procedura di richiesta telematica del mutuo.

Articoli che potrebbero interessarti sui mutui

Mutuo Senza Busta Paga: quali sono le garanzie necessarie? Prima di concedere un mutuo ogni istituto di credito stabilisce un credit scoring, che indica i criteri in base ai quali ritiene di poter concedere i finanziamenti. Le diverse banche possono richiedere determinati requisiti, tuttavia ciò che deve essere sempre presente sono delle garanzie solide, come il reddito del richiedente, di un coobbligat...
Surroga Mutuo Inpdap 2018: requisiti e modalità di richiesta La surroga mutuo Inpdap 2018 (detta anche surrogazione del mutuo o portabilità) è la possibilità data al cliente dall'Inps di spostare il proprio mutuo ipotecario da una banca all'ente previdenziale, che offre condizioni migliori, senza dover sostenere costi aggiuntivi. La portabilità del mutuo gratuita è stata prevista dal Decreto Bersani con la F...
Surroga Mutui Inpdap: come fare? Per Surroga Mutui Inpdap si intende quell'operazione bancaria che un cliente svolge per spostare il mutuo che ha con una banca presso un altro istituto. Così facendo sarà possibile accedere a situazioni più vantaggiose. Ecco gli aspetti che mutano quando si richiede una surroga mutui Inpdap: banca erogante; tasso di interesse (fisso ...
Prestiti personali: vademecum per chi ha intenzione di chiedere un prestito Prestiti personali a protestati I prestiti personali sono una tipologia di finanziamento non finalizzato ovvero non sarà necessario per il richiedente documentare e giustificare  l’investimento del capitale richiesto, somme che potranno essere necessarie anche per spese impreviste o per soddisfare particolari esigenze. Prestito che potrà essere...
Mutui ipotecari Inps: il regolamento per il 2016 Mutuo ipotecario Inps: cosa offre L’Inps da tempo si è spogliata della veste che lo ha contraddistinto nei suoi primi anni di vita e ha acquisto un ruolo più eclettico, diventando un vero e proprio istituto creditizio. Certo, si rivolge quasi esclusivamente ai suoi iscritti e si frega del contributo delle banche (dal punto di vista della liquidità...