Home » News » Calcolo mutuo Inpdap 2016: acquisto o ristrutturazione casa

 

Calcolo mutuo Inpdap 2016: acquisto o ristrutturazione casa

Il calcolo mutuo Inpdap 2016 è un’operazione molto importante per gli iscritti alla Gestione unitaria delle prestazioni creditizie e sociali che progettano l’acquisto della prima casa.

Mutuo Inpdap 2016: ecco cosa sapere

Prima di parlare nel dettaglio di calcolo mutuo Inpdap 2016 vediamo che cosa prevede questa prestazione. Accessibile da parte degli iscritti alla Gestione unitaria delle prestazioni creditizie e sociali – i pensionati devono essere iscritti da almeno un anno e i lavoratori devono risultare titolari di un contratto a tempo indeterminato – permette di richiedere finanziamenti per l’acquisto della prima casa, per la ristrutturazione di un immobile già esistente, per la costruzione di un box da considerare come pertinenza dell’abitazione principale.

Mutuo Inps ex Inpdap: i finanziamenti massimi

Per effettuare il calcolo mutuo Inpdap 2016 è bene sapere quanto si può chiedere. Ecco lo schema da seguire:

  • Mutuo finalizzato all’acquisto della prima casa: limite massimo finanziabile pari a 300.000€, integrabili con ulteriori 6.000 per le spese assicurative facoltative.
  • Mutuo finalizzato alla ristrutturazione: limite massimo finanziabile pari a 150.000€ e, in ogni caso, mai superiore al 40% del valore dell’immobile secondo perizia.
  • Mutuo finalizzato alla costruzione di un box o di un posto auto: limite massimo finanziabile pari a 75.000€.

Calcolo mutuo Inpdap 2016: il tasso

Entriamo ora nel vivo del calcolo mutuo Inpdap 2016 con informazioni sul tasso. Gli iscritti alla Gestione unitaria delle prestazioni creditizie e sociali possono usufruire di due alternative: il tasso fisso e il tasso variabile.

  • Tasso fisso mutuo Inps ex Inpdap: 2,95% (modificato il 1° luglio).
  • Tasso variabile mutuo Inps ex Inpdap: da ricavare sulla base dell’Euribor 6 mesi maggiorato di 200 punti base e calcolato su un lasso di tempo di 360 giorni (modificato lo scorso ottobre su determinazione del Presidente Inps).

Mutuo Inps ex Inpdap 2016: come presentare la domanda

Dopo le indicazioni sul calcolo mutuo Inpdap 2016 arriva il momento di dare suggerimenti su come presentare la domanda. Le istanze di accesso a questa prestazione economica sono da presentare esclusivamente per via telematizzata dal 1° al 10 gennaio, dal 1° al 10 maggio e dal 1° al 10 settembre di ogni anno solar.

Il richiedente, per evitare l’esclusione anche se si trova in possesso dei requisiti, deve avere cura di allegare tutta la documentazione.

Le istanze complete di tutta la documentazione necessaria e aderenti ai requisiti vengono prese in esame e accettate, questo sulla base della disponibilità di denaro della Direzione Regionale competente. In caso d’impossibilità di accettare tutte le richieste, l’Ente redige una graduatoria di accesso.

Quali sono i criteri principali? Il reddito del richiedente e la composizione del nucleo familiare. La graduatoria in questione viene pubblicata sul sito ufficiale Inps nella sezione dedicata al regolamento per l’erogazione dei mutui ipotecari.

Articoli che potrebbero interessarti sui mutui

Prestito delega: di cosa si tratta e come funziona Il prestito delega è una formula di accesso al credito estremamente utile. Per capirne le caratteristiche è necessario specificare prima di tutto che è riservata ai lavoratori dipendenti del settore privato e del pubblico, che in questo modo hanno la possibilità di ottenere il doppio quinto. Come funziona il prestito delega? Per capire come funzi...
Prestiti con Contratto a Tempo Determinato: quali sono le soluzioni disponibili? Una delle principali forme di garanzie che le banche richiedono per erogare un finanziamento è il reddito. Tuttavia non tutti i clienti dispongono di una solida posizione lavorativa. Di conseguenza è possibile ottenere dei prestiti con contratto a tempo determinato?  Prestiti con Contratto a Tempo Determinato 2017 I prestiti senza contratto a tem...
Tassi ai minimi: come sono andate le cose nei primi tre mesi dell’anno Per quanto riguarda i tassi ai minimi e la situazione del mercato immobiliare nei primi tre mesi dell’anno è bene fare riferimento a Bussola-Mutui, un’indagine condotta dalla Crif e dal portale mutui supermarket.it. Mutui e tassi: come è andato l’inizio del 2016 L’indagine Bussola-Mutui ha fotografato la situazione dei primi tre mesi del 2016 ana...
Fido in banca: ecco come funziona Il fido in banca può essere considerato una valida alternativa per far fronte a momenti di difficoltà economica, durante i quali capita di trovarsi per esempio con il conto in rosso. Perché si richiede un fido in banca? La richiesta del fido in banca è una realtà che è stata interessata da un’importante crescita negli ultimi anni, non solo a caus...
Prestiti Inps per pensionati: come funzionano nel 2017? I pensionati per ottenere un prestito, possono ricorrere alla cessione del quinto ma anche a finanziamenti presso banche ed altri istituti di credito. Vediamo come può essere ottenuta la cessione del quinto. Cessione del quinto pensionati: cos'è? Quando si parla di prestiti Inps per i pensionati nel linguaggio quotidiano si è soliti dire "Cess...