Home » News » Calcolo mutuo prima casa: tutte le procedure da seguire

 

Calcolo mutuo prima casa: tutte le procedure da seguire

Per non sbagliare con il calcolo mutuo prima casa è necessario seguire specifiche procedure e confrontare le diverse offerte disponibili prima di stipulare il contratto.

Preventivo mutuo: il primo passo per trovare il piano migliore

Come si procede con il calcolo mutuo prima casa? Confrontando le diverse offerte degli istituti di credito. Solo in questo modo, anche grazie alle procedure di simulazione, è possibile trovare il mutuo più adatto alle proprie esigenze ed eventualmente completare online la procedura iniziale di richiesta del finanziamento.

Sui comparatori online è inoltre possibile richiedere informazioni in merito alla fattibilità del contratto, sapendo preventivamente se si potrà o no ottenere il mutuo.

I miglior mutui casa: le offerte a tasso fisso

Per capire come funziona il calcolo mutuo prima casa è utile, come già specificato, visionare alcune offerte. Partiamo da quelle a tasso fisso, analizzando le proposte di alcuni istituti di credito.

Per capire bene come funzionano le cose facciamo un esempio, ipotizzando la richiesta di 90.000€ e la scelta di un piano di ammortamento di 20 anni.

In questo caso, prendendo in esame il piano Mutuo Domus Fisso di Banca Intesa, si avrebbe una rata mensile pari a 463,87€, con TAN e TAEG corrispondenti al 2,20 e al 2,45%. Il piano prevede spese di perizia e d’istruttoria per 320 e 400€.

Mutui online: confronta e scegli il miglior mutuo

Per avere le idee chiare quando si effettua il calcolo mutuo prima casa è bene, ripetiamo, analizzare quante più offerte possibili. Per questo motivo, per aiutarvi a confrontare diversi piani, osserviamo un’altra proposta a tasso fisso.

Si tratta del mutuo di BNL Gruppo BNP Paribas che, tenendo ferma la cifra sopra specificata e il piano di ammortamento di 20 anni, prevederebbe una rata mensile pari a 474,72€, con TAN e TAEG corrispondenti al 2,45 e al 2,62%. Le spese di perizia e gli oneri d’istruttoria sono pari rispettivamente a 250 e 700€.

Scegli il mutuo che fa per te: i migliori piani a tasso variabile

Capire come funziona il calcolo mutuo prima casa vuol dire analizzare anche qualche piano di rimborso a tasso variabile.

Ipotizzando sempre la richiesta di 90.000€ e la scelta di un piano di ammortamento di 20 anni, dettagliamo le caratteristiche di Mutuo Domus Variabile di Intesa Sanpaolo, una delle opzioni più apprezzate da chi cerca un’alternativa per l’acquisto della prima casa.

Sulla base dei valori esplicitati prima, si avrebbe una rata mensile pari a 419,63€, con tasso variabile calcolato sulla base dell’Euribor 1 mese e maggiorato di uno spread de1l’1,30%.

Questa simulazione di mutuo – basata sulla richiesta di finanziamento da parte di un lavoratore dipendente a tempo indeterminato con uno stipendio netto di 1.800€ mensili – prevederebbe un TAEG dell’1,36%, e un impegno per spese di perizia e oneri d’istruttoria pari a 320 e 400€ per ciascuna voce.

Articoli che potrebbero interessarti sui mutui

Mutuo casa Inpdap 2015: nuovi tassi ed erogazioni fino a 300mila euro Mutuo casa Inpdap 2015: chi può ottenerlo Siete interessati all’acquisto dell’abitazione principale ma non sapete quale mutuo sottoscrivere? Dipendenti e pensionati pubblici possono godere di finanziamenti a condizioni agevolati che permettono di ottenere fino a 300mila euro. Vediamo come funzione e quali sono i vantaggi del mutuo casa Inpdap. ...
Risparmiare sul mutuo: come ridurre la tua rata Mutuo casa: gli elementi da considerare La liberalizzazione della surroga, peraltro già avviata da qualche anno, e il cambiamento delle politiche monetarie europee hanno posto al centro il tema della portabilità dei finanziamenti. Risparmiare sul mutuo, semplicemente cambiando il creditore, si può. E non è nemmeno difficile: è sufficiente conoscer...
Mutui Inpdap per Insegnanti Per gli insegnanti statali la soluzione è davvero molto semplice, possono infatti usufruire dei mutui Indap dedicati alla loro categoria, sono i più convenienti in assoluto, sia per quanto riguarda i tassi che per la semplicità per ottenerli. Per questa categoria di lavoratori infatti non ci sono lungaggini e le garanzie richieste arrivano ad esser...
Nuovi Tassi Mutui Inpdap: al via dal 1 luglio 2017 Da poco meno di una settimana sono entrati in vigore i nuovi tassi mutui Inpdap. Il Presidente dell’INPS, con la determinazione del 25 maggio 2017, n. 89, ha disposto delle novità per i mutui ipotecari dedicati ai dipendenti e ai pensionati pubblici iscritti alla Gestione Unitaria delle prestazioni creditizie e sociali. Nuovi Tassi Mutui Inpdap: q...
Mutui Dipendenti Pubblici 2017: i vantaggi di richiederli all’Inps? Ai dipendenti e pensionati del settore pubblico che vogliano comprare, costruire o ristrutturare casa è concessa la possibilità di chiedere all'Inps un mutuo ipotecario edilizio. Mutui dipendenti pubblici 2017: le tipologie Mutuo sulla prima casa Mediante una cifra massima di 300.000 euro è possibile costruire, acquistare o acquisire un al...