Home » News » Calcolo rata mutuo prima casa tasso fisso e variabile

 

Calcolo rata mutuo prima casa tasso fisso e variabile

Calcolo rata mutuo prima casa tasso fisso o variabile: le condizioni generali

Grazie alle politiche monetarie espansive della BCE, i tassi di interesse sono diminuiti. Ciò ha favorito la ripresa del mercato dei mutui, soprattutto dei prodotti finalizzati all’acquisto della prima casa, che sono tradizionalmente i più richiesti.

Le offerte sono molto diversificate e il tasso di competitività degli istituti di credito è elevato. Ciò porta alla necessità, per l’aspirante debitore, di procedere a un confronto tra i prodotti finanziari ritenuti più convenienti. D’altro canto, ed è questa la notizia positiva, si assiste a un calo ulteriore dei costi.

Ad ogni modo, esistono delle condizioni generali, tipiche della grande maggioranza delle offerte. Per esempio, la copertura. In genere, i mutui sulla prima casa coprono l’80% del valore dell’immobile, ma a fronte di un inasprimento dei tassi di interesse alcuni prodotti raggiungono il 100%.

Comuni sono anche i fattori che determinano l’accensione del mutuo: il reddito del richiedente e del nucleo familiare, il valore dell’immobile, la presenza di eventuali garanzie da parte di terzi etc.

Rata mutuo prima casa: le offerte più convenienti

L’imperativo, per chi è alla ricerca di un finanziamento, è procedere in modo dettagliato a un calcolo rata mutuo prima casa. Solo in questo modo è possibile capire quale prodotto faccia al caso proprio. Ad ogni modo, ecco le tre offerte più vantaggiose. Poniamo come punto di partenza un richiedente di 30 anni, assunto a tempo indeterminato, alla ricerca di un mutuo di 160.000 euro per l’acquisto di un immobile di 200.000 euro:

Tasso fisso

  • Banca CR di Firenze – Mutuo Domus Fisso. La rata è di 661,69 euro con un tasso al 2,81%.
  • WeBank – Mutuo Fisso. La rata è di 691, 26 euro con un tasso al 3,26 %.
  • Che Banca! – Mutuo Fisso. La rata è di 693,70 euro con un tasso al 3,22%.
  • Deutsche Bank – Mutuo Pratico Tasso Fisso. La rata è di 706,99 euro con un tasso al 3,37%.
  • BNL – Mutuo Spensierato. La rata è di 705,14 euro con un tasso al 3,35%.

Tasso variabile

  • WeBank – Mutuo Variabile. La rata è di 564,88 euro. Il tasso è dell’1,66% (Eurobor a 3 mesi più 1,70% di spread).
  • Banca Popolare di Milano – Mutuo Promo Luglio 2015. La rata è di 568,77 euro. Il tasso è dell’1,75% (Eurobor a 3 mesi più 1,75% di spread).
  • Banca CR di Firenze – Mutuo Domus Variabile. La rata è di 571,28 euro. Il tasso è dell’1,75% (Euribor a un mese più 1,85% di spread).
  • IW Bank Private Investments – Mutuo a Tasso Variabile Superlight. La rata è di 579,46 euro, con un tasso variabile finito all’1,85%.

Qual è l’alternativa migliore tra tasso fisso e variabile? Il calcolo rata mutuo prima casa suggerisce il tasso variabile, ma c’è da dire che gli indici hanno toccato il minimo storico, dunque potranno solo salire. Da questo punto di vista, è bene prendere in considerazione il fisso.

Articoli che potrebbero interessarti sui mutui

Tassi mutui Inpdap agevolati: tan fisso al 2,95% Tassi mutui Inpdap 2015: come accedere alla prestazione Durante gli anni di attività l’Inpdap, ente previdenziale per la pubblica amministrazione, ha introdotto tra i servizi offerti agli iscritti i cosiddetti finanziamenti Inpdap, linee di credito a condizioni agevolate pensate per venire incontro a varie esigenze dell’utenza. Tra questi spicca l...
Mutuo Prima Casa Inpdap e Seconda Casa: quali sono le differenze? Al momento della stipula di un mutuo per finanziare l'acquisto della propria abitazione, bisogna verificare se si tratta di un mutuo prima casa Inpdap o di un mutuo seconda casa. Prima di affrontare l'argomento, è necessario conoscere le differenze tra le due condizioni ed effettuare un accurato calcolo rata mutuo Inps. Non è così semplice, ma e...
Prestiti usurai: come verificare la legalità del tasso Può succedere che nel corso del piano di rimborso di un finanziamento, qualunque sia la finalità per cui è stato richiesto, si abbiano sospetti in merito alla legalità del tasso d’interesse applicato alle rate. In queste situazioni è fondamentale informarsi su come riconoscere i prestiti usurai e su cosa fare in caso di applicazione di un tasso sup...
Tassi mutui Inps 2016: le novità del regolamento Mutui Inps per dipendenti pubblici e pensionati Dallo scorso luglio sono state disposte tutte le novità sul regolamento mutui Inpdap 2016, tassi mutui Inps 2016 che risultano essere notevolmente diminuiti rispetto agli scorsi anni. Il regolamento Inpdap 2016 prevede svariati cambiamenti riguardanti i mutui ipotecari Inps che sono destinati a tu...
Mutui inpdap: guida tassi di interesse aggiornati istituti di credito I mutui Inpdap sono erogati nella forma di mutui ipotecari edilizi a dipendenti e pensionati Inpdap e INPS. Oggi, a seguito della soppressione dell'Inpdap nel 2011, le funzioni di gestione nonché erogazione del mutuo Inpdap è affidata all'INPS a seguito dell'articolo 21 c. 1 del d.l. n. 201 del 6/12/2011, convertito con modificazioni dalla legge n....