Home » News » Mutui inpdap: come cambiano i requisiti e le condizioni.

 

Mutui inpdap: come cambiano i requisiti e le condizioni.

Nell’ipotesi in cui si parli di mutui inpdap, il riferimento riguarda esclusivamente mutui a tasso agevolato concessi e rivolti a dipendenti o pensionati pubblici sotto la giurisdizione dello stesso. Essendo tuttavia codesto ente stato soppresso nel 2012, tutte le sue funzioni sono state trasferite all’Istituto Nazionale per la Previdenza Sociale (INPS). Sostanzialmente, questo contratto comporta la partecipazione di due differenti controparti: il mutuante, ossia l’organo che eroga il finanziamento oggetto del mutuo, ed il mutuatario, il soggetto al quale il prestito viene al contrario corrisposto. A sua volta, quest’ultimo, come in precedenza accennato, può essere chiesto da dipendenti statali con anzianità non inferiore ad un anno o da pensionati del medesimo settore iscritti regolarmente alla Gestione unitaria delle prestazioni creditizie e sociali.

Mutui inpdap per acquisti prima casa

Tale richiesta di mutuo può essere perpetrata soltanto qualora vi sia l’esistenza di determinate condizioni e finalità. Tra queste, compaiono i lavori di manutenzione o ristrutturazione della prima casa, la costruzione o l’acquisto di un locale adibito a posto auto e la costruzione o l’acquisto della prima casa. Scendendo maggiormente nel particolare tecnico, molteplici sono le fattispecie finanziabili: ampliamento, adattamento, manutenzione o ristrutturazione del locale di proprietà del richiedente. Esclusi da tale misura sono gli stabili immessi nella categoria degli alloggi di lusso. Tenendo ferma questa ultima ipotesi e spostando l’attenzione sul settore dei box auto, questo usufruisce del mutuo inpdap anche qualora costituisca una semplice pertinenza dell’alloggio di proprietà.

La possibilità di accedere a questa tipologia di finanziamento è correlata al rispetto di ulteriori requisiti obbligatori ed imprescindibili. In primis, l’immobile interessato deve essere edificato sul territorio italiano. Secondo, l’immobile non deve essere soggetto a pegni, privilegi o ipoteche varie. Terzo, l’iscritto, insieme ad il nucleo familiare di appartenenza, devono necessariamente trasferire la propria residenza nell’immobile in questione. Quarto, il bene immobile oggetto di finanziamento deve essere inderogabilmente disponibile e libero.

Riguardo infine alla definizione del concetto di nucleo familiare, assume tale denominazione il coniuge non separato legalmente ed i figli, indifferentemente dal fatto che siano maggiorenni o minorenni, naturali o adottivi, legittimi o legittimati. Altra ipotesi regolarmente attuabile è la co-intestazione del mutuo, possibile se entrambi i coniugi siano regolarmente iscritti alla Gestione unitaria delle prestazioni creditizie e sociali. L’importo massimo percepibile rimane lo stesso, diviso ovviamente tra marito e moglie. Nel caso in cui soltanto uno dei due contestatari non sia iscritto, questo assume la funzione di terzo datore di ipoteca.

Preventivo mutuo inpdap

La soglia economica massima ottenibile è direttamente proporzionale alla tipologia di intervento da sostenere. Se si intende costruire una prima casa, acquistarla o ampliarla su un terreno del quale si detiene la proprietà, la somma massima percepibile ammonta a 300.000 euro. Al contrario, se l’intenzione del richiedente è quello di ristrutturare, ampliare o fare della pura manutenzione sull’unica casa di proprietà, l’importo massimo non può superare il limite di 150.000 euro. Qualunque sia la fattispecie, il valore del finanziamento percepibile non può essere superiore al 100% del valore dell’immobile stesso, previo accertamento dei tecnici delegati dall’Istituto Nazionale per la Previdenza Sociale.

Tassi mutui inpdap

Due sono le opportunità e le opzioni a riguardo: scegliere tra il tasso variabile ed il tasso fisso. Riguardo al secondo, una recente determinazione presidenziale ne ha mitigato l’entità, facendola passare da un iniziale 3,75% ad un 2,95%. Con riferimento al tasso variabile poi, questo è pari all’Euribor a 6 mesi, maggiorati di 200 punti base tenendo conto di un arco temporale di 360 giorni rilevato dal 31 dicembre o dal 30 giugno del semestre antecedente. Tuttavia, la determinazione presidenziale risalente 25 maggio 2017 ha stabilito che il tasso fisso dovesse essere calcolato tenendo conto del parametro LTV e della durata del finanziamento in questione.

Regolamento mutui inpdap

La domanda per accedere al mutuo Inpdap può essere fatta solamente mediante piattaforma telematica, in periodi che vanno dall’1 al 10 gennaio per il primo quadrimestre, dall’1 al 10 maggio per il secondo quadrimestre e dall’1 al 10 settembre per il secondo quadrimestre. Scaduto il termine, il direttore della sede territoriale di competenza dovrà comunicare se vi è la copertura finanziaria per concedere il mutuo. Il mutuatario ha infine l’obbligo assoluto di stipulare una polizza assicurativa concernente la casa interessata al mutuo. In mancanza di questa, vi sarà la risoluzione del contratto.

Articoli che potrebbero interessarti sui mutui

Mutuo Prima Casa Inpdap e Seconda Casa: quali sono le differenze? Al momento della stipula di un mutuo per finanziare l'acquisto della propria abitazione, bisogna verificare se si tratta di un mutuo prima casa Inpdap o di un mutuo seconda casa. Prima di affrontare l'argomento, è necessario conoscere le differenze tra le due condizioni ed effettuare un accurato calcolo rata mutuo Inps. Non è così semplice, ma e...
Prestiti personali autonomi: ecco come ottenerli Prestiti personali per autonomi: cosa sono e come funzionano Da sempre i lavoratori autonomi incontrano molte più difficoltà dei dipendenti per l’accesso al credito. Questo perché non avendo una busta paga non possono offrire in garanzia alla banca un reddito fisso dimostrabile. Vediamo quindi come ottenere prestiti personali autonomi. Sono mol...
Finanziamento auto come funziona? Come trovare la proposta più conveniente? Informarsi su finanziamento auto come funziona è fondamentale prima di scegliere un determinato soggetto creditore. Vediamo quali sono i criteri da considerare e come conseguire l’accesso al credito. Finanziamento auto: come possono variare le condizioni? Quando si tratta di capire finanziamento auto come funziona è bene partire da un punto fermo...
Risparmiare sul mutuo: come ridurre la tua rata Mutuo casa: gli elementi da considerare La liberalizzazione della surroga, peraltro già avviata da qualche anno, e il cambiamento delle politiche monetarie europee hanno posto al centro il tema della portabilità dei finanziamenti. Risparmiare sul mutuo, semplicemente cambiando il creditore, si può. E non è nemmeno difficile: è sufficiente conoscer...
Prestiti usurai: come verificare la legalità del tasso Può succedere che nel corso del piano di rimborso di un finanziamento, qualunque sia la finalità per cui è stato richiesto, si abbiano sospetti in merito alla legalità del tasso d’interesse applicato alle rate. In queste situazioni è fondamentale informarsi su come riconoscere i prestiti usurai e su cosa fare in caso di applicazione di un tasso sup...