Home » News » Come detrarre gli interessi del mutuo Inpdap?

 

Come detrarre gli interessi del mutuo Inpdap?

I richiedenti di un mutuo hanno la possibilità di godere di alcune agevolazioni per quanto riguarda gli interessi.

Al momento della sottoscrizione bisogna capire quali siano i modi per poter andare a detrarre gli interessi del mutuo Inpdap.

Ci sono delle cifre minime che bisogna rispettare al momento della richiesta della detrazione: infatti è possibile scaricare il 19% di quanto pagato ogni anno, per una cifra che non vada a superare i 4.000€.

Entrambe le detrazioni possono essere inserite:

  • nel modello 730, per i dipendenti;
  • nel modello Unico che vale per chi possiede la partita IVA.

Questo è il modo per chiedere la detrazione del finanziamento, anche se ci sono dei requisiti da rispettare, pena l’annullamento della richiesta di detrazione.

Infatti i mutui Inpdap devono riguardare un tipo di bene acquistato, altrimenti si rischia di non poter detrarre i costi in sede di dichiarazione di redditi.

Detrarre gli interessi del mutuo Inpdap: i requisiti

Ma quali sono i requisiti ideali per poter detrarre gli interessi dal mutuo Inpdap? Innanzitutto bisogna specificare che solo i dipendenti pubblici possono accedere a questo tipo di finanziamento, un mutuo in grado di riservare moltissimi vantaggi soprattutto per quanto riguarda i tassi.

Per poter detrarre gli interessi, il locale acquistato deve essere l’abitazione principale del firmatario del mutuo, oppure correlato ad un familiare stretto.

Se il locale acquistato con il mutuo è un box auto, le condizioni devono essere riviste. Inoltre la detrazione non deve superare i sei mesi di acquisto: il tempo però spesso non viene considerato e varia in base al tipo di richiesta.

Si può richiedere anche la detrazione delle spese accessorie della richiesta del mutuo: tutto quello che è riconducibile all’accensione del mutuo può rientrare nella detrazione, a patto che non superi la soglia dei 4.000 euro previsti dalla legge.

Come muoversi in caso di ristrutturazione

Come già detto, per poter andare a richiedere la detrazione degli interessi del mutuo Inpdap bisogna acquistare un’immobile che venga adibito a prima abitazione e che appartenga al richiedente del mutuo.

E cosa succede in caso di ristrutturazione sempre per la casa che poi diventerà il primo luogo di residenza? Sarà possibile chiedere una detrazione?

Anche in questo caso il richiedente può decidere di detrarre le spese, ma rispettando un limite di tempo: infatti il finanziamento deve essere ufficializzato e firmato sei mesi prima dell’inizio dei lavori di ristrutturazione o entro i 18 mesi successivi alla data ufficiale dell’avvio della ristrutturazione.

Si possono anche perdere i diritti alle agevolazioni fiscali nel caso in cui il locale, al termine dei lavori, non venga adibito ad abitazione principale nel giro di un anno dal termine dei lavori.

Dunque, se dopo aver fatto la richiesta e nel giro di un anno il locale ristrutturato non è stato adibito a prima casa, si rischia di essere esclusi dalle detrazioni fiscali.

Articoli che potrebbero interessarti sui mutui

Finanziamento infruttifero: di cosa si tratta e cosa prevede Orientarsi nell’ambito delle formule di finanziamento è fondamentale. Per questo motivo diamo qualche informazione sulle caratteristiche del finanziamento infruttifero, una formula di accesso al credito molto diversa dai prestiti personali. Come funziona il prestito infruttifero? Come funziona il finanziamento infruttifero? Per capirlo è necessar...
Cda e azionisti Veneto Banca: le posizioni in vista dell’assemblea di dicembre Perdita azionisti Veneto Banca: cosa succederà dopo il prezzo di recesso “Quel prezzo è un punto di partenza, non d’arrivo” ha dichiarato Pierluigi Bolla, neopresidente di Veneto Banca, in merito al prezzo di recesso (7,3 euro). Un valore, definito dal cda nell’incontro del 2 dicembre, che porterà una perdita enorme agli azionisti Veneto Banca che...
Nuovi Tassi Mutui Inpdap: al via dal 1 luglio 2017 Da poco meno di una settimana sono entrati in vigore i nuovi tassi mutui Inpdap. Il Presidente dell’INPS, con la determinazione del 25 maggio 2017, n. 89, ha disposto delle novità per i mutui ipotecari dedicati ai dipendenti e ai pensionati pubblici iscritti alla Gestione Unitaria delle prestazioni creditizie e sociali. Nuovi Tassi Mutui Inpdap: q...
Surroga Mutuo Inpdap 2017: come fare? Il mutuo Inpdap è una richiesta di finanziamento che può essere effettuata dai dipendenti pubblici o dai pensionati iscritti da almeno tre anni alla Gestione unitaria autonoma. Caratteristiche del mutuo Inpdap 2017 Questo mutuo prevede moltissime peculiarità riconducibili ad altri finanziamenti presenti sul mercato, ma ci sono delle norme che reg...
Prestiti su pegno: ecco come funzionano Quando si richiede un prestito la principale forma di garanzia è la busta paga. Cosa succede quando manca? Che si può fare riferimento ad altre forme di garanzia reale, che possono implicare la scelta dei prestiti su pegno, una valida soluzione per affrontare momenti di crisi economica. Prestiti su pegno cosa sono: le informazioni principali Cosa...