Home » News » Come si calcola la rata del mutuo: ecco cosa devi sapere

 

Come si calcola la rata del mutuo: ecco cosa devi sapere

Informarsi su come si calcola la rata del mutuo è fondamentale se si ha intenzione di progettare in maniera perfetta il piano di rimborso più adatto alle proprie esigenze.

Rata del mutuo: ecco cosa sapere

Quando si tratta di capire come si calcola la rata del mutuo è bene ricordare che questa è composta da quota capitale e interessi. Fondamentale è sottolineare la presenza dello spread, ossia il carico che viene applicato dalla banca e che rappresenta il suo guadagno per il servizio offerto.

Vista la grande concorrenza è utile tenere sotto controllo periodicamente i piani di ammortamento delle diverse banche, che applicano periodicamente offerte e promozioni sullo spread.

Come si calcola la rata del mutuo Inpdap: tutte le informazioni

Per capire come si calcola la rata del mutuo e non sbagliare è necessario fare riferimento a piani precisi, come per esempio il mutuo ipotecario Inps ex Inpdap. Come funziona? Con la possibilità per gli iscritti alla Gestione unitaria delle prestazioni creditizie e sociali di acquistare la prima casa d’abitazione per sé o per un proprio familiare.

Per quanto riguarda il limite massimo finanziabile in caso di acquisto della prima casa d’abitazione, fondamentale è ricordare che corrisponde a 300.000€, integrabili con ulteriori 6.000 finalizzati alla copertura delle spese assicurative non obbligatorie.

Rata del mutuo Inpdap: informazioni sul tasso

Continuiamo a parlare di come si calcola la rata del mutuo facendo l’esempio del piano ipotecario Inpdap e specificando che gli utenti hanno la possibilità di scegliere tra le seguenti tipologie di tasso.

  • Tasso fisso pari al 2,95%
  • Tasso variabile da ricavare sulla base dell’Euribor 6 mesi maggiorato di 200 punti base e calcolato su un lasso di tempo di 360 giorni.

Come si calcola la rata del mutuo: l’esempio di Banca Intesa

Per avere le idee ancora più chiare su come si calcola la rata del mutuo è fondamentale fare un altro esempio. Tra i numerosi prodotti presenti sul mercato abbiamo scelto di analizzare il mutuo a tasso fisso proposto da Banca Intesa (Mutuo Domus Fisso per la precisione).

Come funziona? A quanto ammonta la rata? Per capirlo prendiamo come ipotesi la richiesta di un finanziamento di 130.000€ e la scelta di un piano di ammortamento di 20 anni.

In questo caso a carico del beneficiario che ha sottoscritto questo contratto di mutuo ci sarebbe una rata mensile di 692,04€, con TAN fisso e TAEG pari rispettivamente al 2,55 e al 2,77%.

Questo piano di ammortamento prevede spese d’istruttoria e oneri di perizia pari rispettivamente a 600 e 320€. In caso di difficoltà e a fronte del pagamento di un numero minimo di rate regolari, il mutuatario ha la facoltà di sospendere temporaneamente i pagamenti, con ovvie modifiche sulla durata generale del piano di ammortamento.

Questa opzione è uno dei tanti casi di banche che hanno adottato provvedimenti interni per favorire i soggetti in difficoltà economica e scongiurare i trasferimenti del mutuo presso altri istituti di credito.

Articoli che potrebbero interessarti sui mutui

Mutuo ipotecario per liquidità: cos’è e come funziona Il mutuo ipotecario per liquidità rappresenta un’alternativa molto vantaggiosa per chi è proprietario di un immobile e ha intenzione di richiedere un prestito in denaro considerando la suddetta unità come garanzia principale. Mutuo per liquidità: di cosa si tratta? Il mutuo ipotecario per liquidità è una formula di accesso al credito riservata ai...
Prestiti Inpdap garanzia: tutti i documenti da presentare Cosa c’è da sapere in merito a prestiti Inpdap garanzia? Ecco quali documenti è necessario presentare al momento dell’istanza e cosa controllare a seconda della tipologia di prestito. Prestiti Inpdap: quale garanzia presentare? Quando si parla di prestiti Indpap garanzia e di prestiti pluriennali in particolare è necessario fare una differenza tr...
Prestiti Personali Online Vantaggiosi: i più convenienti di Maggio 2017 I prestiti online sono dei finanziamenti richiesti e gestiti online. Infatti, dopo aver compilato i moduli disponibili sul sito della banca, questa invierà al cliente una mail con il contratto. Prima di vedere i prestiti personali online vantaggiosi di maggio 2017, ecco le caratteristiche di tali finanziamenti. Prestiti personali online vantaggi...
Mutui Inpdap 2015 tassi: tutto sulle ultime modifiche I mutui Inpdap 2015 tassi sono stati modificati recentemente, con novità riguardanti sia i mutui a tasso fisso, sia quelli a tasso variabile. Vediamo cosa cambia e quali sono le modalità d'accesso al credito. Mutui Inpdap: le informazioni principali Prima di parlare nel dettaglio di mutui Inpdap 2015 tassi specifichiamo la natura della prestazion...
Mutui Inps ex Inpdap 2015: 300 mila euro a tasso agevolato Mutuo ipotecario Inps ex Inpdap: cos’è e chi può richiederlo Il Decreto Salva Italia varato dal Governo Monti ha definito la soppressione dell’Inpdap in favore dell’Inps. Da gennaio 2012, infatti, tutte le pratiche degli iscritti ex Inpdap sono di competenza dell’Inps, che ha istituito la Gestione Dipendenti Pubblici. Tale ufficio, si occupa di ga...