Home » News » Come si calcola la rata del mutuo: ecco cosa devi sapere

 

Come si calcola la rata del mutuo: ecco cosa devi sapere

Informarsi su come si calcola la rata del mutuo è fondamentale se si ha intenzione di progettare in maniera perfetta il piano di rimborso più adatto alle proprie esigenze.

Rata del mutuo: ecco cosa sapere

Quando si tratta di capire come si calcola la rata del mutuo è bene ricordare che questa è composta da quota capitale e interessi. Fondamentale è sottolineare la presenza dello spread, ossia il carico che viene applicato dalla banca e che rappresenta il suo guadagno per il servizio offerto.

Vista la grande concorrenza è utile tenere sotto controllo periodicamente i piani di ammortamento delle diverse banche, che applicano periodicamente offerte e promozioni sullo spread.

Come si calcola la rata del mutuo Inpdap: tutte le informazioni

Per capire come si calcola la rata del mutuo e non sbagliare è necessario fare riferimento a piani precisi, come per esempio il mutuo ipotecario Inps ex Inpdap. Come funziona? Con la possibilità per gli iscritti alla Gestione unitaria delle prestazioni creditizie e sociali di acquistare la prima casa d’abitazione per sé o per un proprio familiare.

Per quanto riguarda il limite massimo finanziabile in caso di acquisto della prima casa d’abitazione, fondamentale è ricordare che corrisponde a 300.000€, integrabili con ulteriori 6.000 finalizzati alla copertura delle spese assicurative non obbligatorie.

Rata del mutuo Inpdap: informazioni sul tasso

Continuiamo a parlare di come si calcola la rata del mutuo facendo l’esempio del piano ipotecario Inpdap e specificando che gli utenti hanno la possibilità di scegliere tra le seguenti tipologie di tasso.

  • Tasso fisso pari al 2,95%
  • Tasso variabile da ricavare sulla base dell’Euribor 6 mesi maggiorato di 200 punti base e calcolato su un lasso di tempo di 360 giorni.

Come si calcola la rata del mutuo: l’esempio di Banca Intesa

Per avere le idee ancora più chiare su come si calcola la rata del mutuo è fondamentale fare un altro esempio. Tra i numerosi prodotti presenti sul mercato abbiamo scelto di analizzare il mutuo a tasso fisso proposto da Banca Intesa (Mutuo Domus Fisso per la precisione).

Come funziona? A quanto ammonta la rata? Per capirlo prendiamo come ipotesi la richiesta di un finanziamento di 130.000€ e la scelta di un piano di ammortamento di 20 anni.

In questo caso a carico del beneficiario che ha sottoscritto questo contratto di mutuo ci sarebbe una rata mensile di 692,04€, con TAN fisso e TAEG pari rispettivamente al 2,55 e al 2,77%.

Questo piano di ammortamento prevede spese d’istruttoria e oneri di perizia pari rispettivamente a 600 e 320€. In caso di difficoltà e a fronte del pagamento di un numero minimo di rate regolari, il mutuatario ha la facoltà di sospendere temporaneamente i pagamenti, con ovvie modifiche sulla durata generale del piano di ammortamento.

Questa opzione è uno dei tanti casi di banche che hanno adottato provvedimenti interni per favorire i soggetti in difficoltà economica e scongiurare i trasferimenti del mutuo presso altri istituti di credito.

Articoli che potrebbero interessarti sui mutui

Come sospendere il mutuo: la guida per avvalersi della moratoria Il mutuo per l’acquisto della casa o per la ristrutturazione di un immobile è un investimento oneroso, durante il quale può capitare di incontrare delle difficoltà nel pagamento delle rate. Per questo è fondamentale capire come sospendere il mutuo e avvalersi della moratoria. Come sospendere il mutuo per un anno: tutte le informazioni sulla morato...
Graduatoria mutui Inpdap: come consultarla online? Graduatoria mutui Inpdap 2019: come ottenere il finanziamento I mutui ex Inpdap sono finanziamenti a condizioni agevolate che fino a gennaio 2012, data della sua soppressione, l’ente previdenziale concedeva agli iscritti che intendevano acquistare la prima casa. Con l’accorpamento all’Inps, la prestazione è passata di competenza della Gestione Dip...
Prestito delega: di cosa si tratta e come funziona Il prestito delega è una formula di accesso al credito estremamente utile. Per capirne le caratteristiche è necessario specificare prima di tutto che è riservata ai lavoratori dipendenti del settore privato e del pubblico, che in questo modo hanno la possibilità di ottenere il doppio quinto. Come funziona il prestito delega? Per capire come funzi...
Inps Inpdap prestito pluriennale diretto: cos’è e come richiederlo La richiesta di accesso al credito per finalità importanti è una situazione naturale anche per chi ha un contratto di lavoro a tempo indeterminato. A tal proposito è bene analizzare le caratteristiche di Inps Inpdap prestito pluriennale diretto. Inpdap prestito pluriennale diretto: a chi è riservato Inps Inpdap prestito pluriennale diretto è una ...
Mutui ipotecari Inps: il regolamento per il 2016 Mutuo ipotecario Inps: cosa offre L’Inps da tempo si è spogliata della veste che lo ha contraddistinto nei suoi primi anni di vita e ha acquisto un ruolo più eclettico, diventando un vero e proprio istituto creditizio. Certo, si rivolge quasi esclusivamente ai suoi iscritti e si frega del contributo delle banche (dal punto di vista della liquidità...