Home » News » Come si calcola la rata del mutuo: ecco cosa devi sapere

 

Come si calcola la rata del mutuo: ecco cosa devi sapere

Informarsi su come si calcola la rata del mutuo è fondamentale se si ha intenzione di progettare in maniera perfetta il piano di rimborso più adatto alle proprie esigenze.

Rata del mutuo: ecco cosa sapere

Quando si tratta di capire come si calcola la rata del mutuo è bene ricordare che questa è composta da quota capitale e interessi. Fondamentale è sottolineare la presenza dello spread, ossia il carico che viene applicato dalla banca e che rappresenta il suo guadagno per il servizio offerto.

Vista la grande concorrenza è utile tenere sotto controllo periodicamente i piani di ammortamento delle diverse banche, che applicano periodicamente offerte e promozioni sullo spread.

Come si calcola la rata del mutuo Inpdap: tutte le informazioni

Per capire come si calcola la rata del mutuo e non sbagliare è necessario fare riferimento a piani precisi, come per esempio il mutuo ipotecario Inps ex Inpdap. Come funziona? Con la possibilità per gli iscritti alla Gestione unitaria delle prestazioni creditizie e sociali di acquistare la prima casa d’abitazione per sé o per un proprio familiare.

Per quanto riguarda il limite massimo finanziabile in caso di acquisto della prima casa d’abitazione, fondamentale è ricordare che corrisponde a 300.000€, integrabili con ulteriori 6.000 finalizzati alla copertura delle spese assicurative non obbligatorie.

Rata del mutuo Inpdap: informazioni sul tasso

Continuiamo a parlare di come si calcola la rata del mutuo facendo l’esempio del piano ipotecario Inpdap e specificando che gli utenti hanno la possibilità di scegliere tra le seguenti tipologie di tasso.

  • Tasso fisso pari al 2,95%
  • Tasso variabile da ricavare sulla base dell’Euribor 6 mesi maggiorato di 200 punti base e calcolato su un lasso di tempo di 360 giorni.

Come si calcola la rata del mutuo: l’esempio di Banca Intesa

Per avere le idee ancora più chiare su come si calcola la rata del mutuo è fondamentale fare un altro esempio. Tra i numerosi prodotti presenti sul mercato abbiamo scelto di analizzare il mutuo a tasso fisso proposto da Banca Intesa (Mutuo Domus Fisso per la precisione).

Come funziona? A quanto ammonta la rata? Per capirlo prendiamo come ipotesi la richiesta di un finanziamento di 130.000€ e la scelta di un piano di ammortamento di 20 anni.

In questo caso a carico del beneficiario che ha sottoscritto questo contratto di mutuo ci sarebbe una rata mensile di 692,04€, con TAN fisso e TAEG pari rispettivamente al 2,55 e al 2,77%.

Questo piano di ammortamento prevede spese d’istruttoria e oneri di perizia pari rispettivamente a 600 e 320€. In caso di difficoltà e a fronte del pagamento di un numero minimo di rate regolari, il mutuatario ha la facoltà di sospendere temporaneamente i pagamenti, con ovvie modifiche sulla durata generale del piano di ammortamento.

Questa opzione è uno dei tanti casi di banche che hanno adottato provvedimenti interni per favorire i soggetti in difficoltà economica e scongiurare i trasferimenti del mutuo presso altri istituti di credito.

Articoli che potrebbero interessarti sui mutui

Mutui Inpdap 2015 fino a 300mila euro a tassi agevolati Mutui Inpdap 2015: a tasso agevolato per dipendenti e pensionati pubblici La sottoscrizione di un mutuo si traduce in un impegno pluridecennale che ha un impatto diretto sulla qualità di vita. Un investimento che permette di costituire un proprio nucleo familiare ma che può divenire un peso fin troppo gravoso con le inevitabili conseguenze del cas...
Mutui Inpdap per Matrimonio Figli La notizia di un figlio che decide di sposarsi è sempre una bella notizia, anche se a volte il portafoglio piange e ci si trova in difficoltà per poter realizzare i sogni dei futuri coniugi. A questo punto l'unica soluzione è quella di richiedere un prestito per affrontare questa spesa che spesso è imprevista. Nel momento in cui i figli ci comunica...
Piccoli prestiti Inps Inpdap: come ottenerli Piccoli prestiti Inps ex Inpdap: cosa sono Una delle categorie di finanziamenti agevolati sono i piccoli prestiti Inps Inpdap che possono essere richiesti sia da dipendenti della pubblica amministrazione che pensionati Inps iscritti alla gestione unitaria delle prestazioni sociali e creditizie.  Finanziamenti che consentono di ottenere piccole ...
Inpdap surroga mutuo ipotecario: come funziona Inpdap surroga mutuo prima casa: cos’è e come funziona La surroga, o portabilità, è la procedura che consente il trasferimento del mutuo dalla banca originaria a una nuova che si fa carico del debito residuo. A differenza di quanto accade con la sostituzione, la surroga del mutuo non prevede l’estinzione dell’ipoteca immobiliare stipulata a garanz...
Prestiti con Contratto a Tempo Determinato: quali sono le soluzioni disponibili? Una delle principali forme di garanzie che le banche richiedono per erogare un finanziamento è il reddito. Tuttavia non tutti i clienti dispongono di una solida posizione lavorativa. Di conseguenza è possibile ottenere dei prestiti con contratto a tempo determinato?  Prestiti con Contratto a Tempo Determinato 2017 I prestiti senza contratto a tem...