Home » News » Estinzione Anticipata Mutuo Inpdap: quando e come richiederla?

 

Estinzione Anticipata Mutuo Inpdap: quando e come richiederla?

Quando si stipula un contratto di mutuo Inpdap, il richiedente sottoscrive anche una sezione relativa all’ estinzione anticipata del mutuo, che prevede la possibilità di liquidare il proprio debito prima della scadenza dei termini prefissati.

É utile chiarire che l’Inpdap è stato accorpato nell’Inps ed è stata istituita la Gestione Dipendenti Pubblici ex-INPDAP per l’erogazione di prestiti riservati esclusivamente ai dipendenti e ai pensionati pubblici.

Ogni mutuo erogato dall’ente ha un termine per l’estinzione che può variare in base all’età del soggetto richiedente o al numero di rate previste dal contratto, il contraente può in qualsiasi momento beneficiare dell’estinzione anticipata senza il pagamento di nessuna sanzione pecuniaria. L’estinzione anticipata può essere:

  • parziale, quando viene corrisposta solo una parte dell’importo complessivo;
  • totale, quando il mutuo stipulato viene estinto completamente.

Come richiedere l’estinzione anticipata mutuo Inpdap?

Nel contratto di mutuo ex Inpdap all’articolo 23 vengono specificate le regole per richiedere ed ottenere l’estinzione anticipata. Se si richiede la risoluzione del contratto di mutuo, l’istituto creditizio che ha erogato il prestito non potrà più richiedere gli interessi per la durata originaria del prestito.

Prima di richiedere l’estinzione è opportuno per il contraente conoscere l’effettivo ammontare del capitale residuo ancora da versare e le somme già versate negli anni, per effettuare questo calcolo bisogna richiedere all’Inps un documento denominato conteggio estintivo.

Per ottenere il conteggio estintivo bisogna collegarsi online al sito dell’Inps, accedere all’area riservata indicata come “Servizi Gestione Dipendenti Pubblici- ex Inpdap”, inserire le proprie credenziali e selezionare la sezione “credito” e richiedere il conteggio estintivo alla voce “Pratiche in ammortamento” visualizzando così lo storico dei prestiti contratti e il riepilogo delle somme versate e da versare.

Per concludere la procedura e poter richiedere l’estinzione anticipata bisogna compilare il modulo presente sulla pagina (Domanda anticipata estinzione) e attendere una risposta dall’ente. La pratica di estinzione anticipata viene inviata al richiedente via mail entro 2-7 giorni, ma è sempre possibile consultare lo stato di avanzamento della richiesta sul sito Inps.

Chi può richiedere l’estinzione anticipata mutuo Inpdap?

É opportuno sottolineare che possono richiedere l’estinzione anticipata del mutuo solo i dipendenti e i pensionati pubblici che possiedono specifici requisiti:

  • iscrizione nelle Gestione unitaria delle prestazioni creditizie e sociali;
  • versamento delle rate del prestito per un periodo non inferiore ai 3 anni.

Quando richiedere l’estinzione anticipata mutuo Inpdap?

Se si hanno a disposizione le somme tali per poter estinguere anticipatamente il mutuo e liberarsi definitivamente dal peso delle rate è importante conoscere il proprio piano di ammortamento o più semplicemente il tasso di interesse applicato dall’Inpdap.

Per l’estinzione totale è sempre conveniente richiedere l‘estinzione anticipata nei primi anni del prestito quando è stata versata solo una parte degli interessi, mentre per l’estinzione parziale è opportuno informarsi se vi saranno modifiche sull’importo mensile della rata o sulla durata del finanziamento.

Articoli che potrebbero interessarti sui mutui

Mutuo a rata costante: le proposte più interessanti Mutuo a rata costante: cos’è Mutuo a rata costante: cos’è e perché sceglierlo? L’acquisto dell’abitazione prevede di solito la stipula di un mutuo e quindi l’avvio di un impegno determinante per il ménage familiare. Trovare la rata adatta alle proprie capacità di reddito è fondamentale. Mutuo a tasso fisso o variabile? Un primo passaggio da co...
Tassi mutui prima casa 2017: le offerte migliori Il report dell'Osservatorio sul Credito al Dettaglio parla chiaro: il mercato dei mutui immobiliari è ripartito. L'indagine è stata realizzata da Assofin, CRIF e Prometeia e ciò che emerge è il trend ancora in crescita per la sottoscrizione di mutui. Riduzione tassi mutui acquisto prima casa e crescita delle domande L'anno 2016 si è concluso regi...
Prestiti a pensionati ultraottantenni: come funzionano, a chi rivolgersi Prestiti per pensionati ultraottantenni: un tema sensibile I pensionati vengono considerati una delle categorie preferite dagli istituti di credito. Godono infatti di un reddito sicuro: in primo luogo perché proviene dal settore pubblico e nello specifico dal settore previdenziale. Secondariamente perché, a differenza dei dipendenti, sia statali c...
Mutui Inps per dipendenti pubblici: come richiederli Mutui Inps: a chi sono destinati Ormai da qualche anno l’Inps ha assunto un ruolo di finanziatore, almeno rispetto ai suoi iscritti. Ciò è possibile grazie alla liquidità in suo possesso, ma anche in virtù delle convenzioni stipulate con alcune banche. L’offerta è ricca e in linea con quanto presentato dagli istituti di credito tradizionali. Anzi,...
Prestiti Inps per pensionati: come funzionano nel 2017? I pensionati per ottenere un prestito, possono ricorrere alla cessione del quinto ma anche a finanziamenti presso banche ed altri istituti di credito. Vediamo come può essere ottenuta la cessione del quinto. Cessione del quinto pensionati: cos'è? Quando si parla di prestiti Inps per i pensionati nel linguaggio quotidiano si è soliti dire "Cess...