Home » News » Estinzione anticipata mutuo ipotecario e penali: quello che devi sapere

 

Estinzione anticipata mutuo ipotecario e penali: quello che devi sapere

Estinzione anticipata mutuo ipotecario decreto Bersani

La Legge Bersani del 2007 riconosce al mutuatario la possibilità di usufruire della estinzione anticipata mutuo ipotecario, restituendo alla banca parte o l’intera quota del capitale residuo, permettendo un risparmio sugli interessi delle rate restanti.

Sicuramente rimborsare anticipatamente tutto o parte del mutuo ipotecario è una soluzione che ogni cliente dovrebbe prendere in considerazione visto che comporta un sostanziale risparmio degli interessi non ancora maturati.

Il mutuatario però dovrà considerare anche il conto della penale legata all’estinzione anticipata del debito residuo, una percentuale che potrà essere stabilita nel contratto di mutuo da commisurare alla somma che sarà estinta anticipatamente.

Estinzione anticipata mutuo ipotecario penale

Ad eccezione dei mutui ipotecari esentati secondo disposizioni di Legge del Decreto n°7 del 31 gennaio 2007 che stabilisce la nullità di ogni clausola che prevede il versamento di una penale in caso di estinzione del debito, a condizione che:

  • Il contratto di mutuo ipotecario sia stato stipulato a partire dal 2 febbraio 2007
  • Il finanziamento sia stato richiesto da persone fisiche per acquisto o ristrutturazione di un bene immobile adibito a prima casa, o per svolgimento di attività lavorative.

Lo stesso Decreto indica inoltre il limite massimo per le penali in caso di estinzione anticipata del mutuo ipotecario per tutti i mutui stipulati entro il 2 aprile 2007.

Nel caso in cui il mutuatario riscontrasse nel proprio contratto di mutuo una quota superiore ai limiti disposti dal Decreto Legge, potrà richiedere ed ottenere dalla banca la rinegoziazione della propria condizione, riducendo il limite massimo per quanto consentito.

Estinzione anticipata di mutuo ipotecario: penali tasso fisso, variabile e misto

Secondo disposizioni di legge la penale applicata in caso di estinzione anticipata mutuo ipotecario a tasso variabile dipende necessariamente dal momento in cui si procedere all’estinzione, ovvero:

  • Se estinta nel periodo che precede il terz’ultimo anno 0,50%
  • Durante il terz’ultimo anno 0,20%
  • Negli ultimi due anni non è prevista alcuna penale

Per tutti i contratti in cui la penale risulta pari o inferiore al limite massimo è prevista la clausola di salvaguardia, che consente di ottenere uno sconto dello 0,20% rispetto a quanto concordato con la banca.

Per i mutui ipotecari a tasso fisso stipulati fino al 31 dicembre 2000 valgono i criteri indicati per i mutui a tasso variabile, mentre se contratti dal 1° gennaio 2001 le penali previste saranno:

  • Per la prima metà del mutuo pari all’1,90%
  • Dalla metà al quart’ultimo anno 1,50%
  • Durante il terz’ultimo anno 0,20%
  • Negli ultimi due anni non è prevista alcuna penale

La situazione cambia invece per i mutui a tasso misto, penale che dipende necessariamente dal periodo in cui avviene l’estinzione anticipata del mutuo e dalla tipologia di tasso al momento dell’estinzione. Se al momento dell’estinzione è in corso l’ammortamento a tasso variabile valgono i limiti applicati per i mutui a tasso variabile, mentre se a tasso fisso si dovrà fare riferimento ai limiti stabiliti per tale modalità.

In caso di contratti a tassi miscelati le differenti quote del debito potranno riferirsi rispettivamente alle due formule.

Articoli che potrebbero interessarti sui mutui

Prestiti Fiditalia: una panoramica sul credito al consumo Prestiti personali Fiditalia: due offerte particolari Il credito al consumo ha vissuto anni di crisi nera, in concomitanza con l’inasprimento del credit crunch, che ha compromesso la circolazione della liquidità e causato danni all’economia reale. Il contesto, oggi, è in via di miglioramento grazie ad alcuni prodotti in grado di trovare il favore ...
Requisiti mutuo Inpdap: prima casa a tasso agevolato Inpdap mutui, a chi sono rivolti Dopo la manovra Salva Italia varata dal Governo Monti, che ha portato alla soppressione dell’Inpdap, tutte le pratiche relative a dipendenti e pensionati pubblici sono diventate di competenza dell’Inps. Per amministrare ed erogare tutti i servizi relativi al comparto pubblico, l’Istituto ha creato la Gestione Dipen...
Mutui Inpdap per Insegnanti Per gli insegnanti statali la soluzione è davvero molto semplice, possono infatti usufruire dei mutui Indap dedicati alla loro categoria, sono i più convenienti in assoluto, sia per quanto riguarda i tassi che per la semplicità per ottenerli. Per questa categoria di lavoratori infatti non ci sono lungaggini e le garanzie richieste arrivano ad esser...
Mutui Inps per pensionati: ecco come funzionano Quando si percepisce una pensione è comunque possibile richiedere un mutuo per l’acquisto della casa e non solo. Per scegliere al meglio è opportuno analizzare i mutui Inps per pensionati. Mutui agevolati per pensionati Inps: tutto sui piani ipotecari I mutui Inps per pensionati hanno come principale riferimento i piani ipotecari che consentono d...
Mutui ipotecari Inps: il regolamento per il 2016 Mutuo ipotecario Inps: cosa offre L’Inps da tempo si è spogliata della veste che lo ha contraddistinto nei suoi primi anni di vita e ha acquisto un ruolo più eclettico, diventando un vero e proprio istituto creditizio. Certo, si rivolge quasi esclusivamente ai suoi iscritti e si frega del contributo delle banche (dal punto di vista della liquidità...