Home » News » Estinzione anticipata mutuo ipotecario e penali: quello che devi sapere

 

Estinzione anticipata mutuo ipotecario e penali: quello che devi sapere

Estinzione anticipata mutuo ipotecario decreto Bersani

La Legge Bersani del 2007 riconosce al mutuatario la possibilità di usufruire della estinzione anticipata mutuo ipotecario, restituendo alla banca parte o l’intera quota del capitale residuo, permettendo un risparmio sugli interessi delle rate restanti.

Sicuramente rimborsare anticipatamente tutto o parte del mutuo ipotecario è una soluzione che ogni cliente dovrebbe prendere in considerazione visto che comporta un sostanziale risparmio degli interessi non ancora maturati.

Il mutuatario però dovrà considerare anche il conto della penale legata all’estinzione anticipata del debito residuo, una percentuale che potrà essere stabilita nel contratto di mutuo da commisurare alla somma che sarà estinta anticipatamente.

Estinzione anticipata mutuo ipotecario penale

Ad eccezione dei mutui ipotecari esentati secondo disposizioni di Legge del Decreto n°7 del 31 gennaio 2007 che stabilisce la nullità di ogni clausola che prevede il versamento di una penale in caso di estinzione del debito, a condizione che:

  • Il contratto di mutuo ipotecario sia stato stipulato a partire dal 2 febbraio 2007
  • Il finanziamento sia stato richiesto da persone fisiche per acquisto o ristrutturazione di un bene immobile adibito a prima casa, o per svolgimento di attività lavorative.

Lo stesso Decreto indica inoltre il limite massimo per le penali in caso di estinzione anticipata del mutuo ipotecario per tutti i mutui stipulati entro il 2 aprile 2007.

Nel caso in cui il mutuatario riscontrasse nel proprio contratto di mutuo una quota superiore ai limiti disposti dal Decreto Legge, potrà richiedere ed ottenere dalla banca la rinegoziazione della propria condizione, riducendo il limite massimo per quanto consentito.

Estinzione anticipata di mutuo ipotecario: penali tasso fisso, variabile e misto

Secondo disposizioni di legge la penale applicata in caso di estinzione anticipata mutuo ipotecario a tasso variabile dipende necessariamente dal momento in cui si procedere all’estinzione, ovvero:

  • Se estinta nel periodo che precede il terz’ultimo anno 0,50%
  • Durante il terz’ultimo anno 0,20%
  • Negli ultimi due anni non è prevista alcuna penale

Per tutti i contratti in cui la penale risulta pari o inferiore al limite massimo è prevista la clausola di salvaguardia, che consente di ottenere uno sconto dello 0,20% rispetto a quanto concordato con la banca.

Per i mutui ipotecari a tasso fisso stipulati fino al 31 dicembre 2000 valgono i criteri indicati per i mutui a tasso variabile, mentre se contratti dal 1° gennaio 2001 le penali previste saranno:

  • Per la prima metà del mutuo pari all’1,90%
  • Dalla metà al quart’ultimo anno 1,50%
  • Durante il terz’ultimo anno 0,20%
  • Negli ultimi due anni non è prevista alcuna penale

La situazione cambia invece per i mutui a tasso misto, penale che dipende necessariamente dal periodo in cui avviene l’estinzione anticipata del mutuo e dalla tipologia di tasso al momento dell’estinzione. Se al momento dell’estinzione è in corso l’ammortamento a tasso variabile valgono i limiti applicati per i mutui a tasso variabile, mentre se a tasso fisso si dovrà fare riferimento ai limiti stabiliti per tale modalità.

In caso di contratti a tassi miscelati le differenti quote del debito potranno riferirsi rispettivamente alle due formule.

Articoli che potrebbero interessarti sui mutui

Prestiti Inpdap Inps: ottieni credito a tassi agevolati Prestiti Inpdap e Inps 2016 L’instabilità economica degli ultimi anni ha messo a dura prova molti dei cittadini che hanno sempre più difficoltà di accesso al credito, ecco perché molti dipendenti della pubblica amministrazione o pensionati Inps si affidano ai prestiti Inpdap Inps per ottenere la liquidità con più facilità. I prestiti Inpdap Inp...
Come richiedere mutuo Inpdap: requisiti e procedura Cos’è e come richiedere mutuo Inpdap Con la soppressione dell’Inpdap definita dal Governo Monti, tutte le pratiche relative a dipendenti e pensionati della pubblica amministrazione sono diventate di competenza dell’Inps, che per amministrarle ha istituito la Gestione Dipendenti Pubblici. Attraverso questo ufficio, l’Istituto si occupa di erogare l...
Mutui Inps per dipendenti pubblici: come richiederli Mutui Inps: a chi sono destinati Ormai da qualche anno l’Inps ha assunto un ruolo di finanziatore, almeno rispetto ai suoi iscritti. Ciò è possibile grazie alla liquidità in suo possesso, ma anche in virtù delle convenzioni stipulate con alcune banche. L’offerta è ricca e in linea con quanto presentato dagli istituti di credito tradizionali. Anzi,...
Surroga Mutuo Inpdap 2019: requisiti e modalità di richiesta La surroga mutuo Inpdap 2019 (detta anche surrogazione del mutuo o portabilità) è la possibilità data al cliente dall'Inps di spostare il proprio mutuo ipotecario da una banca all'ente previdenziale, che offre condizioni migliori, senza dover sostenere costi aggiuntivi. La portabilità del mutuo gratuita è stata prevista dal Decreto Bersani con la F...
Nuovi Tassi Mutui Inpdap: al via dal 1 luglio 2017 Da poco meno di una settimana sono entrati in vigore i nuovi tassi mutui Inpdap. Il Presidente dell’INPS, con la determinazione del 25 maggio 2017, n. 89, ha disposto delle novità per i mutui ipotecari dedicati ai dipendenti e ai pensionati pubblici iscritti alla Gestione Unitaria delle prestazioni creditizie e sociali. Nuovi Tassi Mutui Inpdap: q...