Home » News » Estinzione anticipata mutuo ipotecario e penali: quello che devi sapere

 

Estinzione anticipata mutuo ipotecario e penali: quello che devi sapere

Estinzione anticipata mutuo ipotecario decreto Bersani

La Legge Bersani del 2007 riconosce al mutuatario la possibilità di usufruire della estinzione anticipata mutuo ipotecario, restituendo alla banca parte o l’intera quota del capitale residuo, permettendo un risparmio sugli interessi delle rate restanti.

Sicuramente rimborsare anticipatamente tutto o parte del mutuo ipotecario è una soluzione che ogni cliente dovrebbe prendere in considerazione visto che comporta un sostanziale risparmio degli interessi non ancora maturati.

Il mutuatario però dovrà considerare anche il conto della penale legata all’estinzione anticipata del debito residuo, una percentuale che potrà essere stabilita nel contratto di mutuo da commisurare alla somma che sarà estinta anticipatamente.

Estinzione anticipata mutuo ipotecario penale

Ad eccezione dei mutui ipotecari esentati secondo disposizioni di Legge del Decreto n°7 del 31 gennaio 2007 che stabilisce la nullità di ogni clausola che prevede il versamento di una penale in caso di estinzione del debito, a condizione che:

  • Il contratto di mutuo ipotecario sia stato stipulato a partire dal 2 febbraio 2007
  • Il finanziamento sia stato richiesto da persone fisiche per acquisto o ristrutturazione di un bene immobile adibito a prima casa, o per svolgimento di attività lavorative.

Lo stesso Decreto indica inoltre il limite massimo per le penali in caso di estinzione anticipata del mutuo ipotecario per tutti i mutui stipulati entro il 2 aprile 2007.

Nel caso in cui il mutuatario riscontrasse nel proprio contratto di mutuo una quota superiore ai limiti disposti dal Decreto Legge, potrà richiedere ed ottenere dalla banca la rinegoziazione della propria condizione, riducendo il limite massimo per quanto consentito.

Estinzione anticipata di mutuo ipotecario: penali tasso fisso, variabile e misto

Secondo disposizioni di legge la penale applicata in caso di estinzione anticipata mutuo ipotecario a tasso variabile dipende necessariamente dal momento in cui si procedere all’estinzione, ovvero:

  • Se estinta nel periodo che precede il terz’ultimo anno 0,50%
  • Durante il terz’ultimo anno 0,20%
  • Negli ultimi due anni non è prevista alcuna penale

Per tutti i contratti in cui la penale risulta pari o inferiore al limite massimo è prevista la clausola di salvaguardia, che consente di ottenere uno sconto dello 0,20% rispetto a quanto concordato con la banca.

Per i mutui ipotecari a tasso fisso stipulati fino al 31 dicembre 2000 valgono i criteri indicati per i mutui a tasso variabile, mentre se contratti dal 1° gennaio 2001 le penali previste saranno:

  • Per la prima metà del mutuo pari all’1,90%
  • Dalla metà al quart’ultimo anno 1,50%
  • Durante il terz’ultimo anno 0,20%
  • Negli ultimi due anni non è prevista alcuna penale

La situazione cambia invece per i mutui a tasso misto, penale che dipende necessariamente dal periodo in cui avviene l’estinzione anticipata del mutuo e dalla tipologia di tasso al momento dell’estinzione. Se al momento dell’estinzione è in corso l’ammortamento a tasso variabile valgono i limiti applicati per i mutui a tasso variabile, mentre se a tasso fisso si dovrà fare riferimento ai limiti stabiliti per tale modalità.

In caso di contratti a tassi miscelati le differenti quote del debito potranno riferirsi rispettivamente alle due formule.

Articoli che potrebbero interessarti sui mutui

Calcolo mutuo prima casa: tutte le procedure da seguire Per non sbagliare con il calcolo mutuo prima casa è necessario seguire specifiche procedure e confrontare le diverse offerte disponibili prima di stipulare il contratto. Preventivo mutuo: il primo passo per trovare il piano migliore Come si procede con il calcolo mutuo prima casa? Confrontando le diverse offerte degli istituti di credito. Solo in...
Prestiti Inpdap prontuario: guida all’offerta Prontuario prestiti Inpdap 2016: tutta l'offerta A seconda della tipologia di prestiti Inpdap prontuario che consente di effettuare il calcolo esatto del valore dell’importo netto che può essere concesso tramite il prestito e definire così la rata del piano di ammortamento che dovrà essere rimborsato. È possibile visionare il prontuario per il ...
Inps Piccolo prestito: cos’è e come richiederlo Inps piccolo prestiti dipendenti pubblici e pensionati Inps Tra i prestiti personali concessi da Inps piccolo prestito può essere richiesto da tutti i dipendenti della pubblica amministrazione o pensionati Inps e permette di ottenere con più facilità piccole somme di denaro con vantaggiose agevolazioni economiche. Sicuramente la grave crisi eco...
Mutui al 100: acquistare casa senza liquidità Mutui al 100 per cento banche I mutui al 100 % sono delle particolari tipologie di finanziamento con importi che riescono a coprire fino al 100% del prezzo di acquisto dell’immobile. Finanziamento che consentirebbe al mutuatario di acquistare il bene immobile senza dover investire alcun risparmio. Unici costi che i richiedenti di mutui al 100% ...
Modulo mutuo Inpdap, come compilare la richiesta online? Cosa sono i mutui Inpdap e chi può richiederli Con l’accorpamento dell’Inpdap all’Inps, definito dalla manovra finanziaria del Governo Monti, i servizi dedicati a dipendenti e pensionati pubblici sono diventati di competenza dell’Istituto Nazionale per la Previdenza Sociale, che si occupa di gestire ed erogare le prestazioni ex Inpdap. A tal propo...