Home » News » Inps Inpdap prestito pluriennale diretto: cos’è e come richiederlo

 

Inps Inpdap prestito pluriennale diretto: cos’è e come richiederlo

La richiesta di accesso al credito per finalità importanti è una situazione naturale anche per chi ha un contratto di lavoro a tempo indeterminato. A tal proposito è bene analizzare le caratteristiche di Inps Inpdap prestito pluriennale diretto.

Inpdap prestito pluriennale diretto: a chi è riservato

Inps Inpdap prestito pluriennale diretto è una prestazione economica erogata su richiesta e riservata agli iscritti alla Gestione unitaria delle prestazioni creditizie e sociali, siano essi pensionati o soggetti in attività di servizio.

Un altro requisito vincolante per l’erogazione è un’anzianità d’iscrizione superiore ai 4 anni in entrambi i casi.

Inps Inpdap prestito pluriennale: informazioni su tasso e durata

Inps Inpdap prestito pluriennale diretto consente di accedere al credito usufruendo di piani di ammortamento della durata compresa tra i 60 e i 120 mesi. Il tasso d’interesse del finanziamento, che viene rimborsato tramite rate mensili non superiori alla quinta parte dello stipendio o della pensione di vecchiaia, è fisso e pari al 3,50%.

Il richiedente iscritto alla Gestione unitaria delle prestazioni creditizie e sociali deve prendere in considerazione anche le spese amministrative, che corrispondono allo 0,50% della cifra erogata e il contributo fondo rischi, che dipende dall’età del beneficiario al momento della sottoscrizione del contratto e alla fine

Inpdap prestito pluriennale diretto normativa: le finalità

Inps Inpdap prestito pluriennale diretto è una prestazione economica che consente al richiedente di far fronte a esigenze importanti di carattere personale o familiare. Nell’elenco delle finalità del prestito pluriennale diretto Inps ex Inpdap rientrano le spese di ristrutturazione della casa d’abitazione, gli oneri per lavori condominiali, le spese per il matrimonio dell’iscritto o di un figlio.

Una categoria ulteriore sono le spese legate a motivi di salute, che vanno dalla malattia dell’iscritto fino alla necessità di acquistare ausili di natura ortopedica.

Inpdap prestito pluriennale diretto regolamento: ecco cosa sapere

Cosa dice il regolamento Inps Inpdap prestito pluriennale diretto per quanto riguarda i documenti da presentare in sede di richiesta? Che è necessario munirsi di documento d’identità, stato di famiglia, codice fiscale, certificato medico (questo tranne che per i casi in cui il prestito è richiesto per motivi riguardanti la salute dell’iscritto).

Fondamentale è anche allegare le fatture e le ricevute attestanti le spese effettuate. Importante è ricordare che le spese per cui si richiede il prestito vanno effettuate entro un anno da quando si è verificato l’evento che ha determinato la richiesta di accesso al credito. Per finalità particolari, come per esempio il prestito richiesto per riparare i danni di una calamità naturale, è necessario presentare la dichiarazione del Comune ove è sito l’immobile, con la specificazione di tutti i danni riportati in loco.

Il prestito pluriennale diretto Inps ex Inpdap può essere richiesto da due coniugi iscritti alla Gestione nel medesimo anno (è necessaria la presentazione di due domande distinte).

Articoli che potrebbero interessarti sui mutui

Prestiti Inpdap dipendenti pubblici prima casa fino a 150 mila euro Mutui dipendenti pubblici prima casa: cosa sono i prestiti pluriennali Oltre ad occuparsi della previdenza dei propri iscritti la Gestione Dipendenti Pubblici dell’Inps eroga anche prestiti e mutui a tassi di interesse agevolati per far fronte a diverse necessità. Tra questi troviamo i prestiti Inpdap dipendenti pubblici prima casa. Si tratta d...
Mutui Inpdap prima casa calcolo rata: tutto quello che c’è da sapere Come si deve procedere per mutui Inpdap prima casa calcolo rata? Ecco qualche informazione per capire se il piano di ammortamento è sostenibile dal punto di vista dell’entità della rata e della durata complessiva. Prima di dettagliare le caratteristiche di questi finanziamenti ipotecari ricordiamo però che possono essere richiesti dagli iscritti...
Mutuo a tasso variabile con cap: di cosa si tratta Mutuo a tasso variabile con cap cos’è? Il mutuo a tasso variabile con cap è una tipologia di mutuo a tasso variabile definito anche a tetto massimo, ovvero che stabilisce una soglia limite prefissata contrattualmente oltre la quale il tasso di interesse applicato al proprio mutuo non dovrà oltrepassare. Limite soglia che consente di accendere u...
Spread mutui: di cosa si tratta e come si calcola Quando arriva il momento di scegliere un piano di ammortamento per l’acquisto di una casa è necessario tenere conto di diversi aspetti, che vanno dalla durata generale del processo di rimborso, all’ammontare delle rate - con l’eventuale possibilità di congelare i pagamenti in caso di problemi economici - fino a tutti i particolari riguardanti gli s...
Tasso mutuo Inpdap luglio 2015 Tasso mutuo Inpdap prima casa: a chi si rivolge Il mutuo prima casa prevede piani di rimborso pluridecennali, è quindi un impegno economico determinate per il ménage familiare. La scelta di un prodotto sostenibile in rapporto alle capacità reddituali è essenziale per la preservazione di un tenore di vita adeguato. La soluzione per dipendenti e pen...