Home » News » Mutui convenzionati Inpdap: come richiederli nel 2015

 

Mutui convenzionati Inpdap: come richiederli nel 2015

Mutui convenzionati Inpdap: a chi si rivolgono

La valutazione dell’effettiva convenienza del mutuo è fattore determinante, soprattutto se si tratta di una linea di credito rivolta all’acquisto della prima casa, la cui durata è di solito pluridecennale. Dipendenti e pensionati pubblici godono di una speciale opportunità di accesso al credito, i mutui convenzionati Inpdap Inps. Scopriamo insieme cosa sono, a chi si rivolgono e soprattutto come ottenerli.

L’Inps, ente in cui è confluito l’Inpdap dal 2012, eroga mutui ipotecari rivolti all’acquisto dell’abitazione principale (prima casa), che permettono di conseguire fino a 300mila euro. Il processo di rimborso varia da un minimo di 10 a un massimo di 30 anni.

Possono essere richiesti da parte degli iscritti alla Gestione Pubblica in attività (con contratto a tempo indeterminato) e dai pensionati afferenti alla Gestione unitaria autonoma delle prestazioni creditizie e sociali. Essendo un finanziamento progettato per l’acquisto della prima casa, vi sono altri specifici requisiti da rispettare: l’iscritto o i componenti del nucleo familiare non devono essere proprietari di altra abitazione in Italia, fatte alcune eccezioni indicate dal Regolamento Inps.

Come richiedere i mutui convenzionati Inpdap 2015?

Le richieste devono essere inoltrate all’interno di particolari finestre temporali: dal 1° al 10 gennaio, dal 1° al 10 maggio e dal 1° al 10 settembre. L’invio deve prodursi in via telematizzata (per ulteriori informazioni vi rimandiamo alla sezione dei servizi online del portale Inps.it).

Per quanto attiene invece i tassi di interesse, abbiamo soglie che variano secondo il tipo di tasso:

  • con il finanziamento a tasso fisso abbiamo il 2,95% per tutto il periodo di rimborso (tasso che è stato recentemente aggiornato ed è valido dal luglio 2015);
  • nel caso invece del tasso variabile, sarà applicato il 3,50% per il primo anno e quindi il tasso variabile corrispondente all’Euribor a 6 mesi, computato su 360 giorni, maggiorato di 90 punti base.

Le rate sono pagate attraverso MAV precompilati (che possono essere pagati sia presso banche che uffici postali). Questi sono forniti al beneficiario del mutuo, ma sono visualizzabili anche sul portale Inps sfruttando l’area riservata (il cui accesso è vincolato al possesso del PIN dispositivo e Codice fiscale).

Graduatorie e rispetto dei requisiti

Ogni richiesta di mutuo ex Inpdap Inps che riflette tutti i requisiti indicati verrà accettata, purché le risorse economiche stanziante dalla Direzione Regionale di riferimento risultino adeguate. In caso alternativo, sarà l’Ufficio Provinciale e Territoriale a costituire una graduatoria (nel rispetto delle condizioni previste dal Regolamento).

Per ulteriori informazioni vi invitiamo a visitare il sito ufficiale Inps (inps.it) e/o a contattare la sede Inps più vicina alla vostra residenza.

Articoli che potrebbero interessarti sui mutui

Rata mutuo Inpdap: i criteri che la determinano Cosa sono i mutui Inpdap Dopo la soppressione dell’Inpdap, tutte le pratiche relative a dipendenti e pensionati del comparto pubblico sono diventati di competenza della Gestione Dipendenti Pubblici dell’Inps. Il dipartimento, oltre ad occuparsi della previdenza, garantisce agli iscritti l’erogazione dei servizi in precedenza erogati dall’Inpdap. ...
Mutuo Inpdap tassi 2015: acquisto prima casa Mutuo Inpdap tassi 2015 per dipendenti e pensionati L’acquisto dell’abitazione principale è il primo requisito da soddisfare per costituire il proprio nucleo familiare. Un punto d’arrivo per il quale milioni di italiani, non avendo le risorse economiche necessarie, sono costretti a stipulare un mutuo prima casa. Se il richiedente è dipendente o pe...
Mutuo Inpdap: tassi e regolamento 2017 I mutui Inpdap hanno la peculiarità di permettere un accesso a tassi inferiori e più convenienti rispetto a quelli applicati da banche e società finanziarie. Vediamo le caratteristiche e i tassi 2017 previsti. Il mutuo Inpdap 2017: di cosa si tratta Questo contratto di mutuo é, come quelli presenti sul mercato tradizionale, finalizzato esclusi...
Prestiti obbligazionari: cosa sono e come funzionano Prestiti obbligazionari definizione: come funzionano Nel panorama dei finanziamenti spiccano prodotti poco conosciuti ai più ma che, per determinate categorie di soggetti, possono tornare utili: i prestiti obbligazionario. Non si tratta di un argomento che riguarda il cittadino medio, almeno non dal punto di vista del debitore. Il prestito obbliga...
Mutui Inpdap 2017: regolamento e guida utile Con il termine mutui Inpdap 2017 si fa riferimento ai mutui a tasso agevolato erogati dall'INPS che i dipendenti pubblici o statali e i pensionati del settore pubblico possono richiedere per l'acquisto, la ristrutturazione o l'ampliamento della prima casa. Come le soluzioni offerte dalle banche è possibile scegliere tra tasso fisso (2,95%) o var...