Home » News » Mutui Inps per dipendenti pubblici: come richiederli

 

Mutui Inps per dipendenti pubblici: come richiederli

Mutui Inps: a chi sono destinati

Ormai da qualche anno l’Inps ha assunto un ruolo di finanziatore, almeno rispetto ai suoi iscritti. Ciò è possibile grazie alla liquidità in suo possesso, ma anche in virtù delle convenzioni stipulate con alcune banche. L’offerta è ricca e in linea con quanto presentato dagli istituti di credito tradizionali. Anzi, in almeno un punto l’Inps vince: i tassi di interesse, che in genere sono agevolati.

Ad ogni modo, i mutui Inps per dipendenti pubblici sono rivolti in particolare a due categorie di iscritti alla Gestione unitaria delle prestazioni creditizie e sociali: i dipendenti e i pensionati. I secondi sono soggetti ad alcune limitazione dovute alla questione anagrafica. Se il richiedente ha compiuto 65 anni al momento della sottoscrizione, non può accedere ai mutui di durata superiore ai 15 anni.

I dipendenti, oltre a poter contare su un’anzianità di iscrizione alla Gestione unitaria pari a un anno, devono disporre di un contratto di lavoro a tempo indeterminato.

Dunque, in che cosa consiste l’offerta di mutui Inps dipendenti pubblici?

Mutui Inps per dipendenti pubblici: le condizioni

Il mutuo ipotecario destinato ai dipendenti pubblici può essere basato su tre causali. La prima è quella classica che spinge all’accensione del mutuo: l’acquisto di un’abitazione (non di lusso) da utilizzare coma abitazione di residenza. In questa fattispecie, l’importo erogabile è di 300.000 euro e l’LTV, ossia il rapporto tra importo erogato e valore, può essere anche del 100%.

La seconda finalità di utilizzo è la ristrutturazione. Questa può prevedere la manutenzione ordinaria, gli interventi straordinari, siano questi finalizzati alla riqualificazione energetica oppure no. L’importo massimo erogabile è di 150.00 euro e comunque non può superare il 40% del valore dell’immobile.

L’ultima finalità contemplata dal regolamento è la costruzione di un box auto. Questo deve essere situato a non più di 500 metri dall’abitazione stessa. L’importo massimo erogabile è di 75.000 euro.

Mutui Inps per dipendenti pubblici 2015: tassi

I tassi di questi mutui Inps dipendenti pubblici sono agevolati. Per i mutui a tasso fisso, infatti, si parla del 2,95%. Per i mutui a tasso variabile si deve prendere in considerazione il parametro Euribor a sei mesi, che viene calcolato sui 360 giorni e infine maggiorato di 200 punti base.

Per ottenere i mutui Inps dipendenti pubblici è necessario rispondere ad alcuni requisiti (oltre quelli citati). Quello importante riguarda la proprietà: né il richiedente, né i componenti del nucleo familiare devono essere proprietari di un immobile situato in Italia.

Vi sono alcune eccezioni:

  • proprietà di quote;
  • abitazione assegnata al coniuge separato;
  • costituzione di una propria famiglia;
  • casa da acquistare distante da almeno 150 km da altra abitazione.

Per maggiori informazioni vi invitiamo a contattare la sede Inps più vicina alla vostra residenza.

Articoli che potrebbero interessarti sui mutui

Prestiti su pegno: ecco come funzionano Quando si richiede un prestito la principale forma di garanzia è la busta paga. Cosa succede quando manca? Che si può fare riferimento ad altre forme di garanzia reale, che possono implicare la scelta dei prestiti su pegno, una valida soluzione per affrontare momenti di crisi economica. Prestiti su pegno cosa sono: le informazioni principali Cosa...
Calcola rata mutuo Inpdap online: i passaggi da seguire Prestiti e mutuo Inpdap: cosa sono e chi può richiederli Oltre ad occuparsi della previdenza dei propri iscritti, l’Inps offre a lavoratori e pensionati prestiti e mutui a condizioni agevolate. Finanziamenti che possono essere erogati direttamente dall’Istituto oppure da banche e società finanziarie convenzionate. Nel primo caso si tratta di li...
Confronta mutui: come trovare il prodotto più conveniente Mutui: l’importanza del confronto Gli istituti di credito reagiscono alla saturazione del mercato cercando di differenziare il più possibile le offerte. La conseguenza principale è che lo scenario diventa via via più complicato e rischia di disorientare il cittadino comune, in cerca semplicemente di un finanziamento che rispetti i criteri di soste...
Regolamento mutui Inpdap 2016: ecco come funzionano Il regolamento mutui Inpdap 2016 prevede soprattutto novità riguardanti i tassi applicati e i limiti di finanziamento a seconda della finalità della richiesta di denaro. Ecco nel dettaglio i principali cambiamenti riguardanti i mutui ipotecari Inps ex Inpdap. Mutui: chi può accedere agli ipotecari Inpdap Il primo punto da considerare in merito al...
Mutui per dipendenti statali 2016: l’offerta Inps ex Inpdap Mutui per dipendenti statali 2016: come funzionano Quali sono i migliori mutui per dipendenti statali? Gli italiani sono in larga parte proprietari di abitazioni e sanno bene quanto sia gravoso l’impegno di un mutuo casa. La scelta del prodotto più conveniente passa infatti dalla valutazione di numerose variabili, che dovrebbero contribuire a una ...