Home » News » Mutuo a tasso variabile con cap: di cosa si tratta

 

Mutuo a tasso variabile con cap: di cosa si tratta

Mutuo a tasso variabile con cap cos’è?

Il mutuo a tasso variabile con cap è una tipologia di mutuo a tasso variabile definito anche a tetto massimo, ovvero che stabilisce una soglia limite prefissata contrattualmente oltre la quale il tasso di interesse applicato al proprio mutuo non dovrà oltrepassare.

Limite soglia che consente di accendere un mutuo sicuramente in maniera più sicura e senza alcuna incertezza circa il valore attribuito al tasso di interesse variabile, visto che dato il tetto massimo al Tan l’importo della rata del mutuo nonostante sia strettamente connessa agli andamenti di mercato finanziari non potrà superare il valore limite stabilito in fasi di stipula.

Mutuo a tasso variabile con cap conviene?

Favore o sfavore per questa tipologia di mutuo che dipende necessariamente dai tassi di riferimento Euribor che qualora scendono, il mutuatario potrà godere di una riduzione dell’importo mensile della rata mentre nei periodi con alta inflazione e con i tassi in salita, il mutuatario potrà godere della protezione assicurata dal tetto massimo.

Tetto massimo che potrà essere stabilito in fase contrattuale e che è reso possibile grazie alla stipulazione di un’assicurazione da parte della banca,  in grado di proteggere la stessa dalla fluttuazione dei tassi di interesse, costi che saranno ribaltati sullo spread applicato al mutuo.

Motivo per il quale i mutui a tasso variabile con cap hanno uno spread sicuramente più elevato rispetto ad altre tipologie di mutui a tasso variabile.

Calcolo mutuo a tasso variabile con cap

Per considerare la possibile convenienza o meno del mutuo a tasso variabile con cap sarà necessario valutare svariati fattori che possono contribuire a rendere conveniente il proprio mutuo scelto ovvero:

  • Il cap o tetto massimo potrà essere applicato al Tan e non allo spread che anzi avrà un maggiore costo
  • Il cap dovrà avere un valore tale che possa garantire la tutela del mutuatario, in quanto un cap troppo elevato non raggiungibile dal Tan risulta assolutamente unitile
  • Il contratto non potrà presentare una soglia minima ai tassi imposti dalla banca, in quanto di conseguenza alla discesa dei tassi anche la rata dovrà diminuire
  • Lo spread applicato al proprio mutuo dovrà essere tra lo 0,30% e 0,50% valori più elevati rendono questa tipologia di mutuo poco conveniente.

Il mutuo tasso variabile con cap è consigliato soprattutto per chi vuole sfruttare le favorevoli condizioni di mercato che permettono di ottenere rate più leggere ma senza necessariamente dover correre alcun rischio.

Tra i principali vantaggi per l’accensione del mutuo tasso variabile con cap la possibilità di sfruttare dei vantaggiosi tassi di interesse che rendono le rate del piano di ammortamento più leggere, con la garanzia di un tetto massimo oltre il quale la rata mensile non potrà salire ulteriormente.

Articoli che potrebbero interessarti sui mutui

Come richiedere mutuo Inpdap: requisiti e procedura Cos’è e come richiedere mutuo Inpdap Con la soppressione dell’Inpdap definita dal Governo Monti, tutte le pratiche relative a dipendenti e pensionati della pubblica amministrazione sono diventate di competenza dell’Inps, che per amministrarle ha istituito la Gestione Dipendenti Pubblici. Attraverso questo ufficio, l’Istituto si occupa di erogare l...
Mutuo casa Inpdap 2015: nuovi tassi ed erogazioni fino a 300mila euro Mutuo casa Inpdap 2015: chi può ottenerlo Siete interessati all’acquisto dell’abitazione principale ma non sapete quale mutuo sottoscrivere? Dipendenti e pensionati pubblici possono godere di finanziamenti a condizioni agevolati che permettono di ottenere fino a 300mila euro. Vediamo come funzione e quali sono i vantaggi del mutuo casa Inpdap. ...
Mutuo Inpdap Calcolo Rata e simulazione piano di ammortamento Mutuo Inpdap: cos'è? I mutui Inpdap sono dei finanziamenti erogati dalla Gestione Dipendenti Pubblici. Si tratta di mutui ipotecari concessi unicamente per l'acquisto della prima casa, come previsto dalle normative legislative vigenti. La durata del muto è variabile a seconda dei casi e può essere di un minimo di 10 e un massimo di 30 anni. ...
Mutui Inps per dipendenti pubblici: come richiederli Mutui Inps: a chi sono destinati Ormai da qualche anno l’Inps ha assunto un ruolo di finanziatore, almeno rispetto ai suoi iscritti. Ciò è possibile grazie alla liquidità in suo possesso, ma anche in virtù delle convenzioni stipulate con alcune banche. L’offerta è ricca e in linea con quanto presentato dagli istituti di credito tradizionali. Anzi,...
Mutui Inpdap per Insegnanti Per gli insegnanti statali la soluzione è davvero molto semplice, possono infatti usufruire dei mutui Indap dedicati alla loro categoria, sono i più convenienti in assoluto, sia per quanto riguarda i tassi che per la semplicità per ottenerli. Per questa categoria di lavoratori infatti non ci sono lungaggini e le garanzie richieste arrivano ad esser...