Home » News » Mutuo Inpdap condizioni, le novità del regolamento 2016

 

Mutuo Inpdap condizioni, le novità del regolamento 2016

Mutuo Inpdap regolamento

La concessione di mutui Inpdap riservata ai dipendenti pubblici Inpdap o pensionati Inps è disposta secondo modalità previste dal regolamento, requisiti e condizioni necessarie per ottenere mutui agevolati Inpdap.

Mutuo Inpdap nuovi tassi: quali requisiti?

Principale requisito per ottenere un mutuo Inpdap condizioni è essere iscritto alla Gestione unitaria delle prestazioni creditizie e sociali in attività di servizio o pensionati.

Gli iscritti devono necessariamente vantare un’anzianità di iscrizione di almeno un anno, anche se comprensiva di periodi di servizio a contratto a tempo determinato.

Mentre  tutti gli iscritti alla presentazione della domanda devono essere necessariamente titolari di un contratto a tempo indeterminato.

L’immobile per il quale è stato concesso il mutuo Inpdap condizioni, non deve necessariamente avere caratteristiche di abitazione di lusso, oltre a dover essere la residenza dell’iscritto e del suo nucleo familiare, unica abitazione del richiedente.

L’immobile non potrà essere gravato da garanzie reali e deve essere ubicato esclusivamente nel territorio italiano. L’immobile inoltre dovrà essere l’unica abitazione in possesso dell’iscritto o del coniuge anche se presenti in regolamento alcune eccezioni, il mutuo Inpdap potrà essere consesso solamente nelle condizioni in  cui:

  • Qualora sia l’iscritto, che ha presentato richiesta di mutuo, sia i componenti del nucleo familiare siano proprietari di un’altra abitazione per donazione o per successione, o qualora siano proprietari di massimo 50% di un altro bene immobile.
  • Nel caso in cui sia stata dichiarata inagibile l’abitazione dell’iscritto dopo eventi imprevedibili a seguito di calamità naturali.
  • Nel caso in cui l’iscritto sia comproprietario di un’abitazione con soggetti estranei dal nucleo familiare.
  • Qualora l’iscritto sia rimasto privo di un’abitazione a casa di un provvedimento giudiziale di separazione.

Mutuo Inpdap documentazione: cosa e dove presentare la domanda?

La domanda di mutuo Inpdap deve essere trasmetta telematicamente dal 1° al 10 gennaio, dal 1° al 10 maggio e dal 1° al 10 settembre, utilizzando un modulo di partecipazione reperibile all’indirizzo www.inps.it.  Stessa scadenza si dovrà mantenere per tutte le richieste di mutuo finanziate con le eventuali disponibilità residue a fine anno.

Le richieste di concessione del mutuo dovranno essere compilate in ogni parte, complete delle dichiarazioni sostitutive di certificazione e della documentazione necessaria per la presentazione della domanda di mutuo Inpdap condizioni necessarie ad ottenere il prestito.

Alla scadenza dei termini della presentazione della domanda, entro 5 giorni sarà il Direttore provinciale a comunicare al richiedente l’esito della presentazione della domanda di assegnazione di mutuo agevolato Inpdap.

Successivamente all’esisto positivo il richiedente dovrà entro 30 giorni dal ricevimento della comunicazione positiva, presentare una perizia giurata per attestare la regolarità catastale, urbanista-edilizia ed energetica relativa all’immobile.

Perizia che dovrà essere redatta da un tecnico abilitato iscritto all’albo professionale secondo disposizioni Inps. Il richiedente dovrà presentare inoltre una relazione notarile preliminare.

Articoli che potrebbero interessarti sui mutui

Mutui convenzionati Inpdap: come richiederli nel 2015 Mutui convenzionati Inpdap: a chi si rivolgono La valutazione dell’effettiva convenienza del mutuo è fattore determinante, soprattutto se si tratta di una linea di credito rivolta all’acquisto della prima casa, la cui durata è di solito pluridecennale. Dipendenti e pensionati pubblici godono di una speciale opportunità di accesso al credito, i mut...
Prestiti Inpdap Inps: ottieni credito a tassi agevolati Prestiti Inpdap e Inps 2016 L’instabilità economica degli ultimi anni ha messo a dura prova molti dei cittadini che hanno sempre più difficoltà di accesso al credito, ecco perché molti dipendenti della pubblica amministrazione o pensionati Inps si affidano ai prestiti Inpdap Inps per ottenere la liquidità con più facilità. I prestiti Inpdap Inp...
Spread mutui: di cosa si tratta e come si calcola Quando arriva il momento di scegliere un piano di ammortamento per l’acquisto di una casa è necessario tenere conto di diversi aspetti, che vanno dalla durata generale del processo di rimborso, all’ammontare delle rate - con l’eventuale possibilità di congelare i pagamenti in caso di problemi economici - fino a tutti i particolari riguardanti gli s...
Mutui Inpdap prima casa calcolo rata: tutto quello che c’è da sapere Come si deve procedere per mutui Inpdap prima casa calcolo rata? Ecco qualche informazione per capire se il piano di ammortamento è sostenibile dal punto di vista dell’entità della rata e della durata complessiva. Prima di dettagliare le caratteristiche di questi finanziamenti ipotecari ricordiamo però che possono essere richiesti dagli iscritti...
Mutuo liquidità, analisi dell’offerta: vantaggi e svantaggi Mutuo liquidità cos’è e come funziona Le esigenze di liquidità possono portare a stipulare prestiti personali poco vantaggiosi e in grado di pesare seriamente dal punto di vista economico. Un’alternativa è rappresentata dal mutuo liquidità, una forma di prestito sui generis, che costituisce un po’ un ibrido, ma che con i dovuti accorgimenti può co...