Home » News » Mutuo Senza Busta Paga: quali sono le garanzie necessarie?

 

Mutuo Senza Busta Paga: quali sono le garanzie necessarie?

Prima di concedere un mutuo ogni istituto di credito stabilisce un credit scoring, che indica i criteri in base ai quali ritiene di poter concedere i finanziamenti.

Le diverse banche possono richiedere determinati requisiti, tuttavia ciò che deve essere sempre presente sono delle garanzie solide, come il reddito del richiedente, di un coobbligato o di un garante.

Quindi anche i lavoratori a tempo determinato o disoccupato possono ottenere un mutuo senza busta paga, fornendo però delle adeguate garanzie.

Mutuo Senza Busta Paga: la garanzia dell’ipoteca

Una delle garanzie più solide è l’ipoteca, ossia una forma di rafforzamento della principale garanzia, costituita dal reddito di chi richiede il finanziamento. Tuttavia non è sufficiente per erogare il denaro, poiché:

  • gli immobili sono soggetti a deterioramento, di conseguenza possono perdere valore se gli occupanti non svolgono i lavori di manutenzione necessari;
  • il mercato immobiliare è ciclico e alterna fasi di svalutazione e apprezzamento. Se l’abitazione viene messa all’asta, la banca non può essere certa che la vendita si svolgerà in una fase positiva per il mercato;
  • la vendita all’asta porterà a una perdita del valore dell’immobile, che potrebbe non coprire l’intero mutuo;
  • fare rivalsa su un reddito è più semplice, meno dispendioso e più veloce.

Ottenere un Mutuo Senza Busta Paga grazie al coobbligato

L’istituto bancario sarà disposto a concedere un mutuo senza busta paga se si può beneficiare di:

  • un coobbligato con un reddito solido;
  • un garante.

In ambo i casi la banca presterà attenzione anche al tipo di legame (debole o forte) che c’è tra esso e il richiedente.

Mutuo Senza Garante e senza busta paga: lavoratori autonomi e professionisti

I cittadini che hanno un rapporto lavorativo dipendente e sono pagati con busta paga hanno sicuramente più possibilità di richiedere e ottenere un prestito o un mutuo. Tuttavia, le banche non escludono anche i clienti che non dispongono di una busta paga, quali lavoratori autonomi e professionisti.

Quindi nel caso in cui, pur non avendo una busta paga, il richiedente dimostri di avere un reddito conspicuo e consolidato, gli istituti bancari sono disposti a concedere un mutuo senza busta paga e senza garante.

Può essere prevista la richiesta di determinati documenti, quali:

  • Cud;
  • 730;
  • Documento Unico degli ultimi due anni.

Articoli che potrebbero interessarti sui mutui

Mutui ipotecari significato: cosa devi sapere Avere le idee chiare su mutui ipotecari significato è fondamentale quando si decide di accenderne uno. Prima di dettagliare questa definizione ricordiamo che il mutuo è un contratto di prestito che prevede il trasferimento di una determinata somma di denaro da un soggetto mutuante a un mutuatario, che si impegna a rimborsarla, caricata di un quota ...
Regolamento mutui Inpdap 2016: ecco come funzionano Il regolamento mutui Inpdap 2016 prevede soprattutto novità riguardanti i tassi applicati e i limiti di finanziamento a seconda della finalità della richiesta di denaro. Ecco nel dettaglio i principali cambiamenti riguardanti i mutui ipotecari Inps ex Inpdap. Mutui: chi può accedere agli ipotecari Inpdap Il primo punto da considerare in merito al...
Confronta mutui: come trovare il prodotto più conveniente Mutui: l’importanza del confronto Gli istituti di credito reagiscono alla saturazione del mercato cercando di differenziare il più possibile le offerte. La conseguenza principale è che lo scenario diventa via via più complicato e rischia di disorientare il cittadino comune, in cerca semplicemente di un finanziamento che rispetti i criteri di soste...
Mutuo a tasso variabile con cap: di cosa si tratta Mutuo a tasso variabile con cap cos’è? Il mutuo a tasso variabile con cap è una tipologia di mutuo a tasso variabile definito anche a tetto massimo, ovvero che stabilisce una soglia limite prefissata contrattualmente oltre la quale il tasso di interesse applicato al proprio mutuo non dovrà oltrepassare. Limite soglia che consente di accendere u...
Mutuo Prima Casa Inpdap e Seconda Casa: quali sono le differenze? Al momento della stipula di un mutuo per finanziare l'acquisto della propria abitazione, bisogna verificare se si tratta di un mutuo prima casa Inpdap o di un mutuo seconda casa. Prima di affrontare l'argomento, è necessario conoscere le differenze tra le due condizioni ed effettuare un accurato calcolo rata mutuo Inps. Non è così semplice, ma e...