Home » News » Mutuo Senza Busta Paga: quali sono le garanzie necessarie?

 

Mutuo Senza Busta Paga: quali sono le garanzie necessarie?

Prima di concedere un mutuo ogni istituto di credito stabilisce un credit scoring, che indica i criteri in base ai quali ritiene di poter concedere i finanziamenti.

Le diverse banche possono richiedere determinati requisiti, tuttavia ciò che deve essere sempre presente sono delle garanzie solide, come il reddito del richiedente, di un coobbligato o di un garante.

Quindi anche i lavoratori a tempo determinato o disoccupato possono ottenere un mutuo senza busta paga, fornendo però delle adeguate garanzie.

Mutuo Senza Busta Paga: la garanzia dell’ipoteca

Una delle garanzie più solide è l’ipoteca, ossia una forma di rafforzamento della principale garanzia, costituita dal reddito di chi richiede il finanziamento. Tuttavia non è sufficiente per erogare il denaro, poiché:

  • gli immobili sono soggetti a deterioramento, di conseguenza possono perdere valore se gli occupanti non svolgono i lavori di manutenzione necessari;
  • il mercato immobiliare è ciclico e alterna fasi di svalutazione e apprezzamento. Se l’abitazione viene messa all’asta, la banca non può essere certa che la vendita si svolgerà in una fase positiva per il mercato;
  • la vendita all’asta porterà a una perdita del valore dell’immobile, che potrebbe non coprire l’intero mutuo;
  • fare rivalsa su un reddito è più semplice, meno dispendioso e più veloce.

Ottenere un Mutuo Senza Busta Paga grazie al coobbligato

L’istituto bancario sarà disposto a concedere un mutuo senza busta paga se si può beneficiare di:

  • un coobbligato con un reddito solido;
  • un garante.

In ambo i casi la banca presterà attenzione anche al tipo di legame (debole o forte) che c’è tra esso e il richiedente.

Mutuo Senza Garante e senza busta paga: lavoratori autonomi e professionisti

I cittadini che hanno un rapporto lavorativo dipendente e sono pagati con busta paga hanno sicuramente più possibilità di richiedere e ottenere un prestito o un mutuo. Tuttavia, le banche non escludono anche i clienti che non dispongono di una busta paga, quali lavoratori autonomi e professionisti.

Quindi nel caso in cui, pur non avendo una busta paga, il richiedente dimostri di avere un reddito conspicuo e consolidato, gli istituti bancari sono disposti a concedere un mutuo senza busta paga e senza garante.

Può essere prevista la richiesta di determinati documenti, quali:

  • Cud;
  • 730;
  • Documento Unico degli ultimi due anni.

Articoli che potrebbero interessarti sui mutui

Mutui acquisto e ristrutturazione: le migliori offerte I mutui acquisto e ristrutturazione rappresentano una scelta molto utile per chi vuole apportare delle modifiche all’immobile appena comprato. Mutuo acquisto e ristrutturazione Unicredit: la linea Valore Italia Quando si parla di mutui acquisto e ristrutturazione si chiama spesso in causa la linea Valore Italia di Unicredit, con finanziamenti fin...
Assicurazione Mutuo Inpdap: è obbligatorio sottoscrivere una polizza? Il mutuo INPDAP è una particolare tipologia di finanziamento a cui possono accedere i dipendenti della pubblica amministrazione, sia in servizio che in pensione. Dal 1° gennaio 2012 l'INPDAP è stato incorporato nell'INPS, 'Istituto Nazionale della Previdenza Sociale, che ha preso in carico tutti i servizi svolti dall'INPDAP. I mutui ex INPDAP so...
Mutui Inpdap regolamento 2015: requisiti e richiesta online Mutui Inpdap regolamento: i beneficiari I mutui Inps ex Inpdap sono finanziamenti ipotecari a condizioni agevolate concessi dipendenti e pensionati della pubblica amministrazione che intendono acquistare la casa di residenza. Istituite dall’Inpdap, queste linee di credito sono passate di competenza all’Inps a gennaio 2012 (in seguito alla soppress...
Miglior mutuo surroga tasso fisso 2016: guida alla scelta Surroga mutuo: la panacea dei mali creditizi Qualsiasi discorso sul miglior mutuo surroga tasso fisso non può prescindere da una riflessione sul contesto del credito. Il panorama creditizio si trova attualmente in una situazione di ripresa, lenta ma comunque costante. Il credito italiano (e più in generale europeo) ha vissuto anni veramente dif...
Cda e azionisti Veneto Banca: le posizioni in vista dell’assemblea di dicembre Perdita azionisti Veneto Banca: cosa succederà dopo il prezzo di recesso “Quel prezzo è un punto di partenza, non d’arrivo” ha dichiarato Pierluigi Bolla, neopresidente di Veneto Banca, in merito al prezzo di recesso (7,3 euro). Un valore, definito dal cda nell’incontro del 2 dicembre, che porterà una perdita enorme agli azionisti Veneto Banca che...