Home » News » Mutuo liquidità, analisi dell’offerta: vantaggi e svantaggi

 

Mutuo liquidità, analisi dell’offerta: vantaggi e svantaggi

Mutuo liquidità cos’è e come funziona

Le esigenze di liquidità possono portare a stipulare prestiti personali poco vantaggiosi e in grado di pesare seriamente dal punto di vista economico. Un’alternativa è rappresentata dal mutuo liquidità, una forma di prestito sui generis, che costituisce un po’ un ibrido, ma che con i dovuti accorgimenti può concretizzare un risparmio netto sugli interessi corrisposti. Per utilizzare al meglio questo interessante strumento, tuttavia, occorre conoscerne il meccanismo, i pregi e i difetti.

Con il termine mutuo di liquidità si indica una variante di prestito personale che prevede una garanzia di tipo ipotecario. A protezione dell’investimento si pone un immobile di proprietà del contraente. In questo modo, la banca si mette al ripario dal rischio di insolvibilità.

I vantaggi generati dal meccanismo di ipoteca, però, coinvolgono anche il debitore. In virtù della garanzia fornita dall’immobile, infatti, i tassi si abbassano, almeno rispetto a quelli imposti dal classico prestito personale.

Mutuo liquidità e prestiti personali: pro e contro

Il confronto con il mutuo immobiliare, ossia quello finalizzato all’acquisto di una casa, vede però quest’ultimo primeggiare. I tassi sono mediamente più alti di venti o di trenta punti base. E’ comunque un paragone abbastanza improprio, dal momento che, nonostante abbiano in comune la presenza dell’ipoteca, appartengono a due categorie diverse.

Il paragone più adatto è quello tra mutuo liquidità e prestito personale. Il primo è sicuramente più conveniente del secondo sotto il profilo degli interessi. Non si può dire lo stesso delle spese aggiuntive, come quelle legate all’istruttorio, all’atto notarile e così via. Occorre dunque fare un ragionamento e rispondere alla seguente domanda: i risparmi derivati dalla riduzione dei tassi sono compensati dall’aumento delle spese?

La risposta è negativa solo se il mutuo liquidità prevede un importo alto. Fortunatamente, è possibile anche raggiungere le centinaia di migliaia di euro. La questione ruota attorno all’LTV, che, proprio come il mutuo normale, è mediamente del 70%.

Mutuo di liquidità: le migliori offerte

Immaginiamo un mutuo liquidità a tasso fisso dall’importo di 100.000 euro con un LTV al 50%, richiesto da un impiegato milanese di 45 anni, rimborsabile di 15 anni.

  • L’offerta migliore prende il nome di Mutuo Spensierato di BNL. Il TAN è al 2%, il TAEG al 2,26%. La rata è di 643,51 euro. Tra i vantaggi specifici c’è la possibilità di richiederlo anche se, a fine rimborso, si saranno compiuti 80 anni di età.
  • Molto interessante è anche Mutuo Arancio Liquidità Tasso Fisso. Il TAN è del 3,02%, il TAEG è del 3,10%. La rata è di 691,54 euro. Non ci sono spese di istruttorio e perizia, e questa è una notizia molto positiva, che raramente si riscontra negli altri omologhi di mercato.

Articoli che potrebbero interessarti sui mutui

Prestiti Inpdap tassi 2016: le novità Prestiti Inpdap tasso agevolato La crisi economica degli ultimi anni ha reso sempre più difficile l’accesso al credito per molti degli italiani che versano in una condizione lavorativa precaria, ecco perché sono numerosi i dipendenti della pubblica amministrazione che richiedono prestiti Inpdap tassi di interesse realmente convenienti rispetto ai ...
Come richiedere mutuo Inpdap: requisiti e procedura Cos’è e come richiedere mutuo Inpdap Con la soppressione dell’Inpdap definita dal Governo Monti, tutte le pratiche relative a dipendenti e pensionati della pubblica amministrazione sono diventate di competenza dell’Inps, che per amministrarle ha istituito la Gestione Dipendenti Pubblici. Attraverso questo ufficio, l’Istituto si occupa di erogare l...
Prestiti Personali Online Vantaggiosi: i più convenienti di Maggio 2017 I prestiti online sono dei finanziamenti richiesti e gestiti online. Infatti, dopo aver compilato i moduli disponibili sul sito della banca, questa invierà al cliente una mail con il contratto. Prima di vedere i prestiti personali online vantaggiosi di maggio 2017, ecco le caratteristiche di tali finanziamenti. Prestiti personali online vantaggi...
Rinegoziare mutuo Inpdap: guida 2017 su come farlo Come è possibile rinegoziare un mutuo Inpdap? Per rispondere, vediamo assieme di cosa si tratta e come fare. In cosa consiste la rinegoziazione? Stiamo parlando della possibilità offerta a chi sottoscrive un contratto di mutuo, di poter rivedere e modificare le condizioni contrattuali stabilite con la banca o con l'ente che ha concesso il mutuo. ...
Risparmiare sul mutuo: come ridurre la tua rata Mutuo casa: gli elementi da considerare La liberalizzazione della surroga, peraltro già avviata da qualche anno, e il cambiamento delle politiche monetarie europee hanno posto al centro il tema della portabilità dei finanziamenti. Risparmiare sul mutuo, semplicemente cambiando il creditore, si può. E non è nemmeno difficile: è sufficiente conoscer...