Home » News » Mutuo Prima Casa Inpdap e Seconda Casa: quali sono le differenze?

 

Mutuo Prima Casa Inpdap e Seconda Casa: quali sono le differenze?

Al momento della stipula di un mutuo per finanziare l’acquisto della propria abitazione, bisogna verificare se si tratta di un mutuo prima casa Inpdap o di un mutuo seconda casa.

Prima di affrontare l’argomento, è necessario conoscere le differenze tra le due condizioni ed effettuare un accurato calcolo rata mutuo Inps. Non è così semplice, ma effettuando le giuste valutazioni tutto può essere portato a termine con il massimo della tranquillità.

Come accedere ad un mutuo prima casa o seconda casa

La richiesta di erogazione di un mutuo prima casa Inpdap o seconda casa non è un’operazione così automatica. In generale, il mutuo è un rapporto di finanziamento che intercorre tra un privato e una banca.

L’obiettivo del richiedente è quello di ottenere una determinata somma di denaro per entrare in possesso definitivo di un’abitazione.

La somma finale scaturisce da una lunga serie di verifiche effettuate da un tecnico, in grado di valutare le condizioni della casa e di stabilire gli eventuali interventi da compiere.

In tutti i casi, l’eventuale stipula di un contratto di questo genere deriva dalla presentazione da parte del privato di tutte le garanzie utili per dare fiducia alla banca, come ad esempio l’attestazione di un reddito fisso. In caso contrario, non è possibile neanche intraprendere una richiesta di mutuo prima casa.

Le differenze economiche tra il mutuo Inps acquisto prima casa e seconda

Prima di sapere quali sono le differenze che contraddistinguono il mutuo Inps acquisto prima casa da quello relativo alla seconda casa, è necessario sapere di cosa si sta parlando.

In generale, la prima casa non è altro che l’abitazione principale di un privato e della sua famiglia, mentre una seconda casa è un immobile acquistato per secondi fini.

La prima differenza che salta all’occhio riguarda i parametri relativi al pagamento. Infatti, il mutuo prima casa Inpdap è caratterizzato dalle spese di gestione e dalla pratica di istruttoria del mutuo stesso.

Nel caso del mutuo seconda casa, la somma di denaro da pagare cresce a causa di un incremento del 2% del carico fiscale sul finanziamento erogato dalla banca.

Anche le imposte sostitutive dovute sono molto differenti, dato che nella prima casa ammontano allo 0,25% dell’importo finale e nella seconda al 2%.

In tutti i casi, le agevolazioni fiscali principali riguardano soltanto l’abitazione principale, mentre per quella secondaria bisogna sostenere ulteriori spese.

Le spese da tenere d’occhio nel calcolo rata mutuo Inpdap

In generale, di cosa bisogna tenere conto al momento del calcolo rata mutuo Inps? Diversi sono i parametri da sottolineare, ricordando sempre che il mutuo seconda casa non presenta varie agevolazioni applicate sul mutuo prima casa. Ecco gli elementi da considerare:

  • la somma erogata da una banca riguardante il mutuo è di solito inferiore per la seconda casa rispetto alla prima;
  • l’imposta sostitutiva agevolata è dello 0,25% per la prima casa e del 2% per la seconda;
  • diverse agevolazioni fiscali, quali detrazioni, accesso al fondo di garanzia e spese istruttorie, riguardano soltanto il mutuo Inps acquisto prima casa;
  • varie spese aggiuntive crescono per quanto concerne l’abitazione secondaria;
  • le garanzie richieste per l’acquisto della seconda casa sono più restrittive rispetto alle quelle relative alla prima.

Articoli che potrebbero interessarti sui mutui

Regolamento mutui Inpdap 2016: ecco come funzionano Il regolamento mutui Inpdap 2016 prevede soprattutto novità riguardanti i tassi applicati e i limiti di finanziamento a seconda della finalità della richiesta di denaro. Ecco nel dettaglio i principali cambiamenti riguardanti i mutui ipotecari Inps ex Inpdap. Mutui: chi può accedere agli ipotecari Inpdap Il primo punto da considerare in merito al...
Inpdap mutui tassi 2015: cambia fisso e variabile, ecco le novità Il quadro Inpdap mutui tassi 2015 è stato oggetto di modifiche importanti negli ultimi sei mesi. Scopriamo, in dettaglio, i nuovi tassi e le altre principali novità dal punto di vista contrattuale. Inpdap mutui: cosa sono Prima di parlare delle novità di Inpdap mutui tassi 2015 è opportuno capire le caratteristiche di questi finanziamenti ipoteca...
Estinzione anticipata mutuo ipotecario e penali: quello che devi sapere Estinzione anticipata mutuo ipotecario decreto Bersani La Legge Bersani del 2007 riconosce al mutuatario la possibilità di usufruire della estinzione anticipata mutuo ipotecario, restituendo alla banca parte o l’intera quota del capitale residuo, permettendo un risparmio sugli interessi delle rate restanti. Sicuramente rimborsare anticipatament...
Prestiti con Contratto a Tempo Determinato: quali sono le soluzioni disponibili? Una delle principali forme di garanzie che le banche richiedono per erogare un finanziamento è il reddito. Tuttavia non tutti i clienti dispongono di una solida posizione lavorativa. Di conseguenza è possibile ottenere dei prestiti con contratto a tempo determinato?  Prestiti con Contratto a Tempo Determinato 2017 I prestiti senza contratto a tem...
Mutuo Inpdap: tassi e regolamento 2017 I mutui Inpdap hanno la peculiarità di permettere un accesso a tassi inferiori e più convenienti rispetto a quelli applicati da banche e società finanziarie. Vediamo le caratteristiche e i tassi 2017 previsti. Il mutuo Inpdap 2017: di cosa si tratta Questo contratto di mutuo é, come quelli presenti sul mercato tradizionale, finalizzato esclusi...