Home » News » Pignoramento immobiliare, come difendersi

 

Pignoramento immobiliare, come difendersi

Pignoramento immobiliare 2016: niente è cambiato

Con l’inasprirsi della crisi economica è emerso un tema molto importante: la difficoltà a riscuotere i crediti. Una situazione che va a danno sia del creditore – ostacolato nel recupero dell’investimento – sia del debitore, che deve spesso subire l’onta del pignoramento immobiliare.

Non è un caso che, in questo contesto, si sia registrato un aumento dei pignoramenti piuttosto consistente, intorno al 22%.

Tale tendenza potrà essere invertita solo a seguito di un miglioramento del panorama economico, ma il margine di manovra per i debitori è comunque elevato. In parole povere, possono difendersi con strumenti legali di semplice attuazione ed evitare così il pignoramento.

Va inoltre ricordato che alcuni beni sono impignorabili. Di base, sono esclusi dalla lista tutti quei beni non scambiabili, come il diritto d’abitazione, la servitù e le locazioni. Per bene immobiliare, poi, si intendono tutti quei beni che oltre a essere commerciabili sono anche “ancorati” al suolo: abitazioni (ovviamente), garage, terreni, edifici di vara natura etc., mentre da due anni a questa parte la prima casa non è più pignorabile.

Una speranza per il debitore è data dalla lungaggine della procedura. In effetti, prima che il pignoramento immobiliare venga eseguito, devono verificarsi alcuni passaggi. Innanzitutto, deve essere emessa la sentenza del giudice che concede al creditore la possibilità di pignorare.

Deve essere redatto e recapitato un decreto ingiuntivo e il precetto. Tra questi ultimi documenti e l’esecuzione vera e propria, poi, devono passare dieci giorni (a meno che non ci sia il rischio di vendita immediata da parte del debitore).

Pignoramento immobiliare procedura: gli strumenti di difesa

La normativa porge il fianco alle necessità del “pignorando” e, in qualche maniera, gli viene incontro. La strategia più efficace ha molto a che fare con la delazione.

L’obiettivo è quello di allungare la procedure, in modo da rintracciare una falla nell’impianto accusatorio del creditorio o di prendere tempo e utilizzarlo al fine di racimolare il denaro sufficiente a estinguere il debito.

Pignoramento immobiliare rateizzazione

La tattica preferita degli avvocati è contestare, di fronte al giudice, la somma ingiunta o denunciare dei vizi formali una volta ricevuto l’atto di citazione. Un altro metodo, complementare al minimo o tutt’al più consequenziale, consiste nella richiesta di rateizzazione.

Anche dopo che il pignoramento immobiliare è stato predisposto, infatti, è possibile scegliere di saldare il proprio debito, a patto che a questo vengano aggiunte le spese di esecuzione. Il debitore ha la facoltà di diluire il pagamento nei diciotto mesi successivi all’accoglimento della richiesta, sotto forma di rate mensili.

Sullo sfondo, il carico di lavoro assegnato al creditore che è solo deputato a verificare le somme e ha inoltrare la richiesta di pignoramento.

Articoli che potrebbero interessarti sui mutui

Risparmiare sul mutuo: come ridurre la tua rata Mutuo casa: gli elementi da considerare La liberalizzazione della surroga, peraltro già avviata da qualche anno, e il cambiamento delle politiche monetarie europee hanno posto al centro il tema della portabilità dei finanziamenti. Risparmiare sul mutuo, semplicemente cambiando il creditore, si può. E non è nemmeno difficile: è sufficiente conoscer...
Inps dipendenti pubblici: tutti i servizi online Inps dipendenti pubblici comprende diversi servizi che consentono agli iscritti sia in pensione sia in attività di servizio d’informarsi sulla propria situazione previdenziale, di sbrigare pratiche burocratiche e di richiedere prestazioni economiche per sé o per i propri familiari stretti. Inps gestione dipendenti pubblici servizi in linea L’Inps...
Mutui Inps tasso fisso o variabile? I nuovi tassi e requisiti d’accesso Mutui Inps tasso: chi possono richiederli Vuoi acquistare o ristrutturare casa e hai bisogno di un finanziamento a condizioni agevolate? Grazie ai mutui Inps ex Inpdap puoi ricevere fino a 300mila euro al 2,95% o all’Euribor a 6 mesi, maggiorato di 200 punti base. Ecco come funzionano e le modalità di accesso al credito. I mutui Inps ex Inpdap ...
Mutuo Prima Casa INPDAP: Offerte e novità INPS 2017 I destinatari del mutuo prima casa INPDAP I dipendenti pubblici, in attività o in quiescenza, che risultino iscritti all'INPS ex INPDAP, possono richiedere un mutuo prima casa, con condizioni agevolate, per l'acquisto dell'abitazione principale. Per i lavoratori, è necessario che abbiano un contratto a tempo determinato, mentre i dipendenti a ripo...
Prestiti a protestati con busta paga 2017: guida utile Prestiti a Protestati con Busta Paga: cosa sono e come funzionano? Nonostante il miglioramento dell'ambiente del credito al consumo, gli istituti bancari continuano ad adottare molta prudenza quando si tratta di concedere prestiti personali. La situazione diventa ancora più difficile con due categorie di clienti, i protestati e i cattivi pagato...