Home » News » Prestiti Inps per pensionati: come funzionano nel 2017?

 

Prestiti Inps per pensionati: come funzionano nel 2017?

I pensionati per ottenere un prestito, possono ricorrere alla cessione del quinto ma anche a finanziamenti presso banche ed altri istituti di credito.

Vediamo come può essere ottenuta la cessione del quinto.

Cessione del quinto pensionati: cos’è?

Quando si parla di prestiti Inps per i pensionati nel linguaggio quotidiano si è soliti dire “Cessione del quinto“.  Con questo termine si indicano quei prestiti per i pensionati, equivalenti, per l’appunto, ad un importo massimo della quinta parte di reddito mensile per quanto riguarda la rata.

Questo finanziamento viene concesso da diversi istituti di credito e poi rimborsato a rate costanti. Si tratta di una forma di prestito particolare, che spesso assicura condizioni economiche più vantaggiose rispetto, ad esempio, ad un prestito richiesto da un lavoratore dipendente.

Prestiti Inps per pensionati: come funzionano?

Il pensionato può richiedere un prestito a banche ed altri enti creditizi, sino ad una soglia limite equivalente ad un quinto della pensione.

La sicurezza del pensionato è tutelata dall’Istitituto Nazionale della Previdenza Sociale, ovvero l’Inps, che controlla e regola i tassi di interesse imposti dalle banche per il prestito. In altre parole esso fornisce un elenco dettagliato delle banche che hanno accettato la regolamentazione dei tassi di interesse a tutela del pensionato.

Inoltre è sempre l’Inps che versa la quota stabilita e preleva, in automatico, le rate da rimborsare alla banca o all’istituto di credito.

I primi passi per ottenere il prestito

Il pensionato che vuole ottenere la cessione del quinto deve, innanzitutto, richiedere un documento specifico, ovvero la “comunicazione della cedibilità della pensione“.
Infatti la cessione del quinto non può essere richiesta da tutte le categorie di pensionati.  Sono esclusi, ad esempio, le pensioni sociali, le invalidità civili ed altre ancora.

Una volta in possesso della comunicazione di cedibilità della pensione, il pensionato deve comunicare all’Inps l’importo del prestito richiesto e, successivamente, può farne richiesta alla banca o alla società finanziaria.

Come scegliere la banca a cui richiedere il prestito

Per andare sul sicuro il pensionato deve, prima di ogni altra cosa, consultare la lista presente sul portale web dell’Istitituto Nazionale della Previdenza Sociale. Questo elenco permette di avere accesso ad una serie di banche ed istituti che hanno aderito alla Convenzione a tutela dei pensionati.  Questi enti presentano una duplice comodità:

  • non solo garantiscono tassi di interesse e condizioni vantaggiose per i pensionati;
  • fanno anche parte di un circuito di comunicazione diretta con l’Inps che permetterà al pensionato di avere meno difficoltà.

Queste banche ed istituti che hanno aderito alla convenzione infatti, comunicando direttamente con l’Inps, non richiedono neanche la comunicazione di cedibilità. Questa verrà trasmessa in automatico dall’Istitituto Nazionale della Previdenza Sociale.

I prestiti Inpdap per i pensionati ex lavoratori pubblici

Un breve accenno sui prestiti tramite l’Istituto Nazionale di Previdenza ed Assistenza per i Dipendenti della Pubblica Amministrazione, ovvero l’INPDAP, è doveroso.

Si tratta sempre di prestiti a pensionati, ma che abbiano lavorato nel settore pubblico. Essi presentano tassi di interesse estremamente vantaggiosi, che, però richiedono una documentazione più completa ed hanno criteri di accettazione estremamente rigidi.

Articoli che potrebbero interessarti sui mutui

Mutui Inpdap per Militari I mutui Inpdap possono coprire diversi problemi che un militare può avere durante l'arco della vita, e naturalmente per agevolare la categoria sono tutti finanziamenti che hanno un unico obbiettivo, quello di aiutare nelle difficoltà la categoria dei militari. Tassi migliori rispetto a quelli del mercato e le spese quasi azzerate sono le princip...
Tassi mutui Inpdap agevolati: tan fisso al 2,95% Tassi mutui Inpdap 2015: come accedere alla prestazione Durante gli anni di attività l’Inpdap, ente previdenziale per la pubblica amministrazione, ha introdotto tra i servizi offerti agli iscritti i cosiddetti finanziamenti Inpdap, linee di credito a condizioni agevolate pensate per venire incontro a varie esigenze dell’utenza. Tra questi spicca l...
Mutui acquisto e ristrutturazione: le migliori offerte I mutui acquisto e ristrutturazione rappresentano una scelta molto utile per chi vuole apportare delle modifiche all’immobile appena comprato. Mutuo acquisto e ristrutturazione Unicredit: la linea Valore Italia Quando si parla di mutui acquisto e ristrutturazione si chiama spesso in causa la linea Valore Italia di Unicredit, con finanziamenti fin...
Prestiti tra amici: come funzionano e quali rischi prevedono I prestiti tra amici possono essere inquadrati nel novero dei prestiti tra privati. A seconda della situazione possono essere o meno cambializzati. Prestiti tra privati: cosa sapere prima di richiederli Informarsi sui prestiti tra amici è importante, in quanto rientrano in un ambito come i prestiti tra privati ch sta conoscendo particolare fortun...
Rata mutuo Inpdap: i criteri che la determinano Cosa sono i mutui Inpdap Dopo la soppressione dell’Inpdap, tutte le pratiche relative a dipendenti e pensionati del comparto pubblico sono diventati di competenza della Gestione Dipendenti Pubblici dell’Inps. Il dipartimento, oltre ad occuparsi della previdenza, garantisce agli iscritti l’erogazione dei servizi in precedenza erogati dall’Inpdap. ...