Home » News » Prestiti obbligazionari: cosa sono e come funzionano

 

Prestiti obbligazionari: cosa sono e come funzionano

Prestiti obbligazionari definizione: come funzionano

Nel panorama dei finanziamenti spiccano prodotti poco conosciuti ai più ma che, per determinate categorie di soggetti, possono tornare utili: i prestiti obbligazionario. Non si tratta di un argomento che riguarda il cittadino medio, almeno non dal punto di vista del debitore. Il prestito obbligazionario, infatti, è un prodotto che riguarda esplicitamente le società, e nemmeno tutte, bensì le tipiche spa, quindi quotate in borsa.

Il prodotto in questione sfugge un po’ alle dinamiche del finanziamento tradizionale per almeno due motivi. In primo luogo, prevede importi davvero elevati, proprio perché a essere finanziati non sono cittadini normali bensì imprese, aziende, società e così via (purché quotate in borsa).

In secondo luogo, perché sono, capovolgendo un po’ la prospettiva, una fonte di investimento per i cittadini comuni e non solo per le banche. Il ruolo degli istituti di credito, in questo contesto, è più marginale del solito. A fungere da creditore, infatti, non è obbligatoriamente un istituto di credito, bensì un “qualsiasi terzo” che decida di dare fiducia alla società debitrice.

Prestiti obbligazionari cosa sono e a chi si rivolgono

Si possono definire, dunque, i prestiti obbligazionari come delle forme sui generis di finanziamento a lungo termine, che seguono dinamiche proprie. Per quanto riguarda l’importo, per esempio, la soglia massima corrisponde esattamente al versamento di capitale di rischio realizzato dai soci nell’esercizio precedente.

Questo limite può essere bypassato se a garanzia del finanziamento viene posta una o più ipoteche immobiliari pari a 66% dell’importo del prestito, se l’eccedenza viene coperta da una garanzia sui titoli di Stato, o se le istituzioni concedono una specifica autorizzazione in merito.

Prestito obbligazionario: il rimborso

Anche il rimborso segue regole a parte. È prevista, innanzitutto, una scadenza. Al termine di questa la cifra deve essere restituita in blocco o con il meccanismo a estrazione: l’obbligazione è divisa in “pacchetti”, ognuno dei quali contrassegnato da una sigla. Si estrae una di queste sigla, la quale funge da primo rimborso.

Non ci sono le classiche rate, almeno non come si intendono per i finanziamenti “al dettaglio”, quindi rivolti ai comuni cittadini. In compenso, le obbligazioni rilasciano una cedola periodica, che può essere trimestrale, semestrale etc. Lo scopo è rendere una parte del capitale subita disponibile al creditore, dal momento che questo intende il prestito obbligazionario come un investimento.

Va chiarito poi un aspetto che riguarda i tassi di interesse dei prestiti obbligazionari, che qui vengono chiamati anche “di rendimento”. A colpire, infatti, è negoziabilità del tasso.

Infatti non esiste necessariamente un prodotto di riferimento, messo a disposizione delle banche, che presenti regole specifiche per gli interessi. È anche una questione di contrattazione. Anche perché spesso il lavoro di intermediazione delle banche viene saltato a priori, e ci si rivolge direttamente al mercato.

Articoli che potrebbero interessarti sui mutui

Mutuo Agevolato Prima Casa Inpdap: come ottenerlo? Acquistare una casa, al giorno d'oggi, è un tipo di operazione meno complessa di quanto si possa immaginare grazie ai mutui agevolati prima casa INPDAP. Vediamo ora il procedimento che deve essere svolto per poter riuscire ad ottenerlo senza dover fronteggiare situazioni difficili. Le caratteristiche del mutuo agevolato prima casa Inpdap Il mu...
Calcola rata mutuo Inpdap online: i passaggi da seguire Prestiti e mutuo Inpdap: cosa sono e chi può richiederli Oltre ad occuparsi della previdenza dei propri iscritti, l’Inps offre a lavoratori e pensionati prestiti e mutui a condizioni agevolate. Finanziamenti che possono essere erogati direttamente dall’Istituto oppure da banche e società finanziarie convenzionate. Nel primo caso si tratta di li...
Mutui Inpdap: nuovi tassi di interesse per i mutui degli ex iscritti. I mutui inpdap sono i finanziamenti erogati e gestiti dall'INPS a partire dal 2012 a seguito della soppressione dell'INPDAP. I requisiti, le condizioni e i termini di restituzione del finanziamento sono sottoposti a specifiche regole. Un provvedimento del 2017 dell'INPS ha tuttavia determinato modifiche in termini di adeguamento del tasso di intere...
Mutui prima casa inpdap, prima casa a tassi agevolati Mutui prima casa Inpdap: a chi si rivolgono L’acquisto della prima casa si realizza, nella maggior parte dei casi, con la stipula di un mutuo ipotecario, impegno pluridecennale dall’impatto determinante sulla qualità di vita del beneficiario. La scelta una rata sostenibile è quindi essenziale, ma quali sono i prodotti più convenienti? Nell’ambito ...
Mutuo a rata costante: le proposte più interessanti Mutuo a rata costante: cos’è Mutuo a rata costante: cos’è e perché sceglierlo? L’acquisto dell’abitazione prevede di solito la stipula di un mutuo e quindi l’avvio di un impegno determinante per il ménage familiare. Trovare la rata adatta alle proprie capacità di reddito è fondamentale. Mutuo a tasso fisso o variabile? Un primo passaggio da co...