Home » News » Richiesta mutuo Inps ex Inpdap 2016: la guida

 

Richiesta mutuo Inps ex Inpdap 2016: la guida

Richiesta mutuo Inps ex Inpdap: i beneficiari

Come funziona la richiesta mutuo Inps ex Inpdap 2016? Quali sono le procedure da seguire? I mutui ipotecari ex Inpdap permettono l’acquisto e la ristrutturazione della prima casa con tassi di interesse agevolati. Vediamo a chi si rivolgono e le modalità di richiesta del finanziamento.

I mutui ex Inpdap Inps sono destinati a dipendenti e pensionati pubblici iscritti alla Gestione unitaria autonoma delle prestazioni creditizie e sociali. Vi sono altri requisiti da rispettare:

  • l’iscrizione deve essersi verificata dal almeno un anno;
  • il dipendente deve disporre di un contratto a tempo indeterminato.

Finalità di richiesta del mutuo ex Inpdap

Le somme erogate sono da porre in relazione alla finalità del prodotto:

  • per acquisto e costruzione della prima casa (che non può risultare abitazione di lusso) la somma a disposizione corrisponde a 300mila euro;
  • nel caso invece di opere di manutenzione e ristrutturazione, la somma non può superare il 40% del valore dell’immobile (prima casa in possesso dell’iscritto). Nel rispetto della somma massima pari a 150mila euro;
  • se il dipendente o pensione preferisce richiedere il finanziamento per l’acquisto di un box o posto auto, la somma fornita dall’Inps è al massimo 75mila euro. Il box o posto auto deve risultare una pertinenza della prima casa dell’iscritto, la distanza da questa non può eccedere i 500 metri.

Per quanto riguarda invece i tassi, abbiamo due soluzioni:

  • scegliendo il mutuo a tasso fisso, è applicato il 2,95%;
  • con il tasso variabile, invece, il mutuatario andrà a sostenere un tasso corrispondente all’Euribor a 6 mesi, computato su 360 giorni, maggiorato di 200 punti.

Il periodo di rimborso (alla francese) è strutturato in 10, 15, 20, 25 o 30 anni. Questo limite massimo non può superare i 15 anni nel caso di richiedenti con oltre 65 anni. Le rate sono semestrali e costanti.

Tra le novità 2016 troviamo anche la possibilità di cambiare tipologia di tasso, l’utente può scegliere di cambiare passando da un tasso fisso a uno variabile o viceversa. Si tratta tuttavia di un’opportunità a disposizione dell’utente per una sola volta e solo dopo aver proceduto al rimborso delle rate dei primi due anni.

Modalità richiesta mutuo ex Inpdap Inps

Entriamo nel merito della questione richiesta mutuo Inps ex Inpdap 2016. La domanda di finanziamento va inoltrata all’interno di specifici periodi dell’anno: i primi dieci giorni di gennaio, maggio o settembre.

L’unica modalità di richiesta mutuo è quella telematizzata. Vanno utilizzati i servizi online del portale ufficiale Inps. Per accedervi l’utente deve disporre di codice fiscale e PIN. Questo è fornito dall’Inps inseguito al riconoscimento del lavoratore.

Articoli che potrebbero interessarti sui mutui

Inpdap mutui dipendenti statali a condizioni agevolate Inpdap mutui dipendenti statali e pubblici: a chi sono rivolti L’Inps concede agli iscritti Gestione Dipendenti Pubblici mutui ipotecari per l’acquisto di unità abitative non di lusso site sul territorio nazionale da adibire a residenza principale o per la surroga di mutui prima casa. I mutui sono finanziati dalla Gestione unitaria delle prestazio...
Mutui ipotecari Inps: il regolamento per il 2016 Mutuo ipotecario Inps: cosa offre L’Inps da tempo si è spogliata della veste che lo ha contraddistinto nei suoi primi anni di vita e ha acquisto un ruolo più eclettico, diventando un vero e proprio istituto creditizio. Certo, si rivolge quasi esclusivamente ai suoi iscritti e si frega del contributo delle banche (dal punto di vista della liquidità...
Rata mutuo Inpdap: i criteri che la determinano Cosa sono i mutui Inpdap Dopo la soppressione dell’Inpdap, tutte le pratiche relative a dipendenti e pensionati del comparto pubblico sono diventati di competenza della Gestione Dipendenti Pubblici dell’Inps. Il dipartimento, oltre ad occuparsi della previdenza, garantisce agli iscritti l’erogazione dei servizi in precedenza erogati dall’Inpdap. ...
Prestiti Inpdap dipendenti pubblici prima casa fino a 150 mila euro Mutui dipendenti pubblici prima casa: cosa sono i prestiti pluriennali Oltre ad occuparsi della previdenza dei propri iscritti la Gestione Dipendenti Pubblici dell’Inps eroga anche prestiti e mutui a tassi di interesse agevolati per far fronte a diverse necessità. Tra questi troviamo i prestiti Inpdap dipendenti pubblici prima casa. Si tratta d...
Tassi mutui prima casa 2017: le offerte migliori Il report dell'Osservatorio sul Credito al Dettaglio parla chiaro: il mercato dei mutui immobiliari è ripartito. L'indagine è stata realizzata da Assofin, CRIF e Prometeia e ciò che emerge è il trend ancora in crescita per la sottoscrizione di mutui. Riduzione tassi mutui acquisto prima casa e crescita delle domande L'anno 2016 si è concluso regi...