Home » News » Spread mutui: di cosa si tratta e come si calcola

 

Spread mutui: di cosa si tratta e come si calcola

Quando arriva il momento di scegliere un piano di ammortamento per l’acquisto di una casa è necessario tenere conto di diversi aspetti, che vanno dalla durata generale del processo di rimborso, all’ammontare delle rate – con l’eventuale possibilità di congelare i pagamenti in caso di problemi economici – fino a tutti i particolari riguardanti gli spread mutui, valori essenziali per determinare la convenienza del piano.

Spread mutui cos’è: la definizione

Cosa sono gli spread mutui? Dei carichi economici che vengono applicati al tasso – sia esso fisso o variabile – da parte dell’istituto di credito che eroga il mutuo e che determinano un ulteriore guadagno per la banca.

Lo spread, a differenza del tasso d’interesse, rimane invariato per tutta la durata del mutuo.

Spread mutui 2016: quanto può variare il valore?

Quando si parla di spread mutui è necessario non solo avere le idee chiare sulla definizione, ma anche capire entro che range può variare il carico in questione. Gli spread applicati dalla banche sui mutui sono contraddistinti da un ampio spettro di variazioni, che si attesta attorno a una media dell’1,50/1,60%.

Alcuni istituti di credito possono applicare offerte occasionali con spread particolarmente vantaggiosi mentre altri, in caso di situazioni valutate come rischiose, tendono ad alzare la percentuale, arrivando anche a spread del 3%.

Spread mutui oggi: cosa succede in caso di piano di ammortamento a tasso fisso

Analizzare la questione spread mutui significa muoversi in maniera diversa a seconda che il tasso del piano di ammortamento sia fisso o variabile. Nel primo caso lo spread costituisce la quota aggiuntiva che si applica al parametro di riferimento IRS (acronimo per Interest Rate Swap).

Il valore dell’IRS cambia a seconda del periodo coinvolto. Tale parametro è fondamentale per la banca che, in caso di mutuo a tasso fisso, ha la necessità di tutelarsi dagli innalzamenti dei tassi d’interesse.

Spread mutui tasso variabile: come funzionano le cose?

Cosa succede con gli spread mutui in caso di piano di ammortamento a tasso variabile? In queste circostanze il mutuatario deve basarsi sul seguente schema di rimborso: Euribor + spread (l’Euribor è una tipologia di tasso che viene calcolato giornalmente e che riguarda le transazioni finanziarie tra le varie banche europee).

In questa somma l’Euribor rappresenta la parte variabile, mentre lo spread, come già ricordato, quella fissa. Nel caso dei mutui a tasso variabile gli spread tendono a essere generalmente più bassi rispetto ai piani di ammortamento a tasso fisso, assestandosi verso un valore medio pari all’1,60%.

A cosa è dovuta questa differenza? Al fatto che i mutui a tasso variabile sono caratterizzati dalla presenza di un’ipoteca, situazione che invece non sussiste nel caso dei mutui a tasso fisso, che sono contraddistinti da una minor sicurezza per la banca.

Articoli che potrebbero interessarti sui mutui

Inps ex Inpdap mutui ipotecari Il mutuo ipotecario ex Inpdap è una linea di credito rivolta a lavoratori e pensionati pubblici che intendono acquistare l’immobile da adibire a prima casa. Questa tipologia di Inps ex Inpdap mutui consente di richiedere un finanziamento sino a 300mila euro, mentre il periodo di rimborso varia dai 10 ai 30 anni. Inpdap mutui: ecco i requisiti prin...
Miglior mutuo surroga tasso fisso 2016: guida alla scelta Surroga mutuo: la panacea dei mali creditizi Qualsiasi discorso sul miglior mutuo surroga tasso fisso non può prescindere da una riflessione sul contesto del credito. Il panorama creditizio si trova attualmente in una situazione di ripresa, lenta ma comunque costante. Il credito italiano (e più in generale europeo) ha vissuto anni veramente dif...
Mutui inpdap: guida tassi di interesse aggiornati istituti di credito I mutui Inpdap sono erogati nella forma di mutui ipotecari edilizi a dipendenti e pensionati Inpdap e INPS. Oggi, a seguito della soppressione dell'Inpdap nel 2011, le funzioni di gestione nonché erogazione del mutuo Inpdap è affidata all'INPS a seguito dell'articolo 21 c. 1 del d.l. n. 201 del 6/12/2011, convertito con modificazioni dalla legge n....
Prestiti su pegno: ecco come funzionano Quando si richiede un prestito la principale forma di garanzia è la busta paga. Cosa succede quando manca? Che si può fare riferimento ad altre forme di garanzia reale, che possono implicare la scelta dei prestiti su pegno, una valida soluzione per affrontare momenti di crisi economica. Prestiti su pegno cosa sono: le informazioni principali Cosa...
Calcola rata mutuo Inpdap online: i passaggi da seguire Prestiti e mutuo Inpdap: cosa sono e chi può richiederli Oltre ad occuparsi della previdenza dei propri iscritti, l’Inps offre a lavoratori e pensionati prestiti e mutui a condizioni agevolate. Finanziamenti che possono essere erogati direttamente dall’Istituto oppure da banche e società finanziarie convenzionate. Nel primo caso si tratta di li...