Home » News » Nuovi Tassi Mutui Inpdap: al via dal 1 luglio 2017

 

Nuovi Tassi Mutui Inpdap: al via dal 1 luglio 2017

Da poco meno di una settimana sono entrati in vigore i nuovi tassi mutui Inpdap. Il Presidente dell’INPS, con la determinazione del 25 maggio 2017, n. 89, ha disposto delle novità per i mutui ipotecari dedicati ai dipendenti e ai pensionati pubblici iscritti alla Gestione Unitaria delle prestazioni creditizie e sociali.

Nuovi Tassi Mutui Inpdap: quali sono le novità?

Dal 1° luglio 2017 i tassi sui mutui Inpdap ipotecari, riservati dall’INPS Ex INPDAP ai tutti i dipendenti statali e/o locali, sono stati revisionati e rivisti tenendo conto del rapporto tra il mutuo concesso e il valore dell’immobile.

Quindi l’applicazione della tabella relativa ai nuovi tassi mutui Inpdap deve essere utilizzata per tutte le casistiche e richieste di finanziamento che riguardano le domande di:

  • mutuo di nuova concessione o di portabilità di un mutuo ipotecario dal 1° settembre;
  • mutuo in ammortamento, su domanda dei soggetti mutuatari, dal 1° luglio che non presentino situazioni di morosità;
  • mutuo ipotecario o di portabilità di un mutuo ipotecario presentate nei quadrimestri precedenti il 1° luglio 2017 e il cui iter non si sia ancora perfezionato con il rogito.

La mancata presentazione della domanda da parte del cliente interessato a richiedere il mutuo è da intendersi come volontà di non adesione al nuovo tasso mutui Inpdap. Di conseguenza continuerà a essere applicato il tasso di interesse stabilito precedentemente.

Tassi Mutui Inpdap: i nuovi tassi in vigore dal 1 luglio 2017

In base alla determinazione n. 89 del 25 maggio 2017 è stato disposto di:

  • adeguare il tasso di interesse con il metodo del loan to value (LTV) che comporta meno oneri a carico del soggetto mutuatario;
  • applicare alle domande di mutuo a tasso fisso presentate i nuovi tassi mutui Inpdap.

Durata mutui ipotecari e relativi tassi mutui Inpdap

  • 10 anni: 1,15%; 1,33%; 1,73%;
  • 15 anni: 1,51%; 1,69%; 2,20%;
  • 20 anni: 1,65%; 1,83%; 2,38%;
  • 25 anni: 1,97%; 2,03%; 2,65%;
  • 30 anni 1,97%; 2,03%; 2,65%.

Gli iscritti che, alla data di presentazione della domanda, hanno compiuto 65 anni, potranno usufruire dei tassi riportati sopra per una durata non superiore a 15 anni.

Mutui ipotecari edilizi per i dipendenti pubblici

Nonostante la revisione dei nuovi tassi mutui Inpdap concessi dall’INPS, il Regolamento INPS Inpdad emanato per i dipendenti pubblici iscritti alla Gestione Unitaria delle Prestazioni Sociali e Creditizie rimane il medesimo.

Le abitazioni per le quali può essere erogato il mutuo devono:

  • essere ubicate sul territorio italiano;
  • non devono essere abitazioni di lusso.

Mutui Inpdap: chi può richiedere i mutui ipotecari?

Possono richiedere i mutui Inpdap i seguenti soggetti:

  • i dipendenti del pubblico impiego, iscritti alla Gestione unitaria delle prestazioni creditizie e sociali in attività di servizio;
  • i pensionati, con un’anzianità di iscrizione e contribuzione al Fondo credito non inferiore a tre anni.

L’importo massimo erogabile non può eccedere il limite di 300.000,00 €, con riferimento al nucleo familiare. Può essere aggiunto altro denaro non superiore a 5.000,00 €.

 

Articoli che potrebbero interessarti sui mutui

Come si calcola la rata del mutuo: ecco cosa devi sapere Informarsi su come si calcola la rata del mutuo è fondamentale se si ha intenzione di progettare in maniera perfetta il piano di rimborso più adatto alle proprie esigenze. Rata del mutuo: ecco cosa sapere Quando si tratta di capire come si calcola la rata del mutuo è bene ricordare che questa è composta da quota capitale e interessi. Fondamentale...
Mutuo a rata costante: le proposte più interessanti Mutuo a rata costante: cos’è Mutuo a rata costante: cos’è e perché sceglierlo? L’acquisto dell’abitazione prevede di solito la stipula di un mutuo e quindi l’avvio di un impegno determinante per il ménage familiare. Trovare la rata adatta alle proprie capacità di reddito è fondamentale. Mutuo a tasso fisso o variabile? Un primo passaggio da co...
Mutui Inpdap regolamento 2015: requisiti e richiesta online Mutui Inpdap regolamento: i beneficiari I mutui Inps ex Inpdap sono finanziamenti ipotecari a condizioni agevolate concessi dipendenti e pensionati della pubblica amministrazione che intendono acquistare la casa di residenza. Istituite dall’Inpdap, queste linee di credito sono passate di competenza all’Inps a gennaio 2012 (in seguito alla soppress...
Domanda mutuo Inpdap: come funziona e ottenere il finanziamento Mutuo Inpdap Inps: cos’è e come richiederlo Con la soppressione dell’Inpdap definita dal Governo Monti tutte le pratiche relative a dipendenti e pensionati del settore pubblico sono passate di competenza all’Inps, che per amministrarle ha istituito la Gestione Dipendenti Pubblici. Attraverso questo ufficio l’Inps si occupa di garantire a dipend...
Prestiti su pegno: ecco come funzionano Quando si richiede un prestito la principale forma di garanzia è la busta paga. Cosa succede quando manca? Che si può fare riferimento ad altre forme di garanzia reale, che possono implicare la scelta dei prestiti su pegno, una valida soluzione per affrontare momenti di crisi economica. Prestiti su pegno cosa sono: le informazioni principali Cosa...