Home » News » Tassi mutui prima casa 2017: le offerte migliori

 

Tassi mutui prima casa 2017: le offerte migliori

Il report dell’Osservatorio sul Credito al Dettaglio parla chiaro: il mercato dei mutui immobiliari è ripartito. L’indagine è stata realizzata da Assofin, CRIF e Prometeia e ciò che emerge è il trend ancora in crescita per la sottoscrizione di mutui.

Riduzione tassi mutui acquisto prima casa e crescita delle domande

L’anno 2016 si è concluso registrando un incremento del 31,7% per le erogazioni di mutui finalizzati all’acquisto di immobili. Il trend positivo (seppur con un lieve rallentamento) è stato confermato anche nel primo trimestre di quest’anno: +25,8%.

Dai dati del rapporto Abi mensile pubblicato il 20 giugno 2017, i tassi dei mutui risultano ancora in calo. A maggio di quest’anno, il tasso medio registrato, è del 2,79% contro il tasso di aprile del 2,81%.

Tutti fattori che invogliano i potenziali clienti di banche e finanziarie a guardarsi intorno e cercare l’offerta di finanziamento che meglio soddisfa le loro necessità. Ma come trovare le proposte con i tassi mutui prima casa 2017 più convenienti?

Grazie ai vari siti specializzati presenti sulla Rete, è possibile confrontare le varie offerte di finanziamento delle principali banche e finanziarie che operano online e, nella maggior parte dei casi, avanzare richiesta di finanziamento direttamente online. In questo modo gli utenti hanno la possibilità di mettere a confronto le varie offerte presenti sul mercato e scegliere quella che meglio si adatta alle proprie esigenze.

Andamento tassi mutui prima casa: quale scegliere

Ma quali sono le tipologie di tassi mutui prima casa 2017 più richiesti? Le principali tipologie di tasso di interesse sono: fisso, misto, variabile e variabile con cap. Tuttavia la maggior parte delle richieste si riferisce a mutui con tasso fisso e variabile.

Il primo è senza dubbio la soluzione più sicura perché garantisce un interesse stabile nel tempo e quindi non soggetto alle variazioni di mercato. Di conseguenza il tasso fisso è l’ideale per chi sottoscrive un finanziamento di lunga durata.

Tuttavia i tassi variabili sono solitamente sono più bassi di quelli fissi, ma il fatto di essere soggetti alle variazioni di mercato li rende molto più rischiosi. Caratteristiche che rendono i mutui a tasso variabile adatti a soggetti che non hanno bisogno di controllare scrupolosamente le proprie entrate e uscite.

Tassi mutui prima casa: le offerte migliori del momento

Per quanto riguarda le offerte di mutui attualmente sul mercato, abbiamo fatto una piccola ricerca per trovare le offerte più convenienti, sia per i mutui a tasso fisso che per quelli a tasso variabile. In riferimento a un richiedente di 35 anni assunto come impiegato e un reddito mensile di 2.600 euro, vediamo le migliori offerte rilevate a giugno 2017.

Per quanto riguarda il finanziamento, l’importo finanziabile è di 135 mila euro con un piano di rimborso di 25 anni e il mutuo è richiesto per far fronte all’acquisto di un immobile dal valore di 180 mila euro. Vediamo quindi le condizioni proposte dalle banche che offrono i migliori mutui attualmente sul mercato.

Tassi fissi e variabili più vantaggiosi attualmente

Per i mutui a tasso fisso, la proposta migliore è quella delle Banca Intesa Sanpaolo che propone un tasso di interesse (TAEG) del 2,24% e una rata mensile pari a 575,50 euro. In alternativa c’è l’offerta di Webank che prevede un TAEG del 2,37% e una rata di 593,69 euro.

Per quanto riguarda i mutui a tasso variabile l’offerta migliore è quella di Deutsche Bank. Il tasso di interesse Taeg è dell’1,05% e la rata mensile di 506,34 euro. Al secondo posto il mutuo di Intesa Sanpaolo con un tasso di interesse (TAEG) del 1,15% e una rata mensile di 507,43 euro.

Articoli che potrebbero interessarti sui mutui

Mutui Inpdap nuovi tassi 2017: tutte le novità Sono state introdotte già da luglio 2015 le modifiche apportate al nuovo regolamento Inps. Sui mutui Inpdap nuovi tassi 2017, modificati dal Presidente dell’Inps. Nuovi tassi mutui Inpdap I nuovi tassi 2017 del mutuo Inps (ex Inpdap), hanno subito un netto calo rendendo ancora più appetibile per tutti i mutuatari che hanno necessità di accedere a...
Mutuo Inpdap tasso fisso 2015 Mutuo Inpdap tasso fisso 2015: a chi si rivolge Dipendenti e pensionati pubblici possono contare su un requisito cruciale per l’accesso al credito: un costante e sicuro assegno mensile. Condizione che rende questo pubblico un target ideale per prestiti di piccola entità e persino mutui ipotecari per l’acquisto dell’abitazione principale. Ed è prop...
Mutuo a tasso variabile con cap: di cosa si tratta Mutuo a tasso variabile con cap cos’è? Il mutuo a tasso variabile con cap è una tipologia di mutuo a tasso variabile definito anche a tetto massimo, ovvero che stabilisce una soglia limite prefissata contrattualmente oltre la quale il tasso di interesse applicato al proprio mutuo non dovrà oltrepassare. Limite soglia che consente di accendere u...
Estinzione anticipata mutuo Indpap: come fare? Nel Regolamento per l'assegnazione ed erogazione di mutui ipotecari alle persone iscritte alla Gestione unitaria delle prestazioni di credito e sociali dell'Inps è presente l'articolo 23 chiamato "Estinzione del contratto di mutuo". Quest'ultimo contempla che vi sia la possibilità di estinzione anticipata del finanziamento ricevuto attraverso il...
Mutui Inps 2016: come e perché richiederli I mutui Inps 2016 sono prestazioni economiche erogate agli iscritti alla Gestione unitaria delle prestazioni creditizie e sociali, siano essi lavoratori o pensionati. Mutui Inps: tutti i requisiti Oltre all’iscrizione alla Gestione unitaria delle prestazioni creditizie e sociali, esistono altri requisiti per l’accesso ai mutui Inps 2016? Nel caso...