Home » News » Mutui Inpdap Inps 2016: quali sono le principali novità

 

Mutui Inpdap Inps 2016: quali sono le principali novità

Mutui Inps ex Inpdap, come funziona

Sei alla ricerca di un finanziamento a tasso agevolato ma non sai quale scegliere? Gli iscritti della Gestione Dipendenti Pubblici possono ottenere fino a 300mila euro a condizioni competitive. Scopriamo quindi come funzionano i mutui Inpdap Inps 2016, passando in rassegna tutte le ultime novità.

Cominciamo con lo specificare che il regolamento relativo a queste linee di credito è stato aggiornato nella seconda metà del 2015 e ciò ha condotto a una modifica delle finalità d’acquisto ammesse e soprattutto i tassi di interesse applicati.

I beneficiari dei mutui Inpdap Inps 2016 sono gli iscritti, per un periodo corrispondente di almeno un anno, alla Gestione unitaria delle prestazioni creditizie e sociali. Le richieste possono essere inoltrate sia da parte dei dipendenti, purché dispongano di un contratto a tempo indeterminato, e pensionati.

L’invio della domanda di finanziamento deve realizzarsi all’interno di specifici periodi dell’anno: i primi dieci giorni di gennaio, maggio o settembre. L’utente dovrà utilizzare i servizi online del portale ufficiale Inps (inps.it), per i quali è indispensabile disporre del PIN (codice di identificazione personale).

Regolamento mutui Inpdap Inps, finalità di spesa

E passiamo quindi alle più importanti novità: gli importi e le relative finalità di spesa. Abbiamo tre categorie di interventi:

  • l’acquisto della prima casa (che non deve risultare dal punto di vista catastale come abitazione di lusso). Per questo è stanziato un massimo di 300mila euro;
  • la seconda tipologia di finalità è costituita dai lavori di manutenzione, ampliamento, trasformazione o ristrutturazione. In questo caso la somma massima accordata è di 150mila euro e in ogni caso non può eccedere il 40% del valore dell’abitazione;
  • è ammessa anche la costruzione del box o posto auto. Questo deve risultare una pertinenza dell’abitazione dell’iscritto. L’importo massimo è pari a 75mila euro.

Mutui Inpdap Inps 2016: i nuovi tassi di interesse

In merito invece ai tassi di interesse, vi sono due soluzioni:

  • il mutuo a tasso fisso prevede l’applicazione del 2,95%;
  • nel caso invece di mutuo a tasso variabile il beneficiario del finanziamento dovrà sostenere l’Euribor a 6 mesi, computato su 360 giorni, maggiorato di 200 punti base.

Il piano di ammortamento è alla francese ed è composto da rate semestrali. Per quanto attiene invece alla durata, abbiamo un periodo variabile da 10 a 30 anni. Se il mutuatario ha oltre 65 anni, la durata non può eccedere i 15 anni.

Le domande corrette e che rispondono a tutti i requisiti saranno accolte, sempre che la disponibilità della Direzione regionale competente sia adeguata. In caso alternativo verrà prodotta una graduatoria che determina l’accesso al credito.

Articoli che potrebbero interessarti sui mutui

Inpdap mutuo casa, a quali condizioni è concesso e come funziona Inpdap mutuo casa, a chi si rivolge Il mutuo casa è un impegno economico molto importante, sia per gli effetti (autonomia e costituzione di un proprio nucleo familiare) che per l’entità economica. La rata è spesso la principale spesa per il budget familiare e ha quindi un impatto diretto sulla qualità di vita del mutuatario. Una delle offerte più ...
Prestito delega: di cosa si tratta e come funziona Il prestito delega è una formula di accesso al credito estremamente utile. Per capirne le caratteristiche è necessario specificare prima di tutto che è riservata ai lavoratori dipendenti del settore privato e del pubblico, che in questo modo hanno la possibilità di ottenere il doppio quinto. Come funziona il prestito delega? Per capire come funzi...
Mutui Unicredit prima casa: i piani più convenienti Quando si decide di acquistare una casa è fondamentale soffermarsi sul maggior numero possibile di proposte di mutuo. I mutui Unicredit prima casa rappresentano un’opzione molto valida al proposito. Mutui Unicredit: le opzioni principali I mutui Unicredit prima casa comprendono diverse alternative di accesso al credito immobiliare. Cominciamo a d...
Mutui agevolati Inpdap: le novità del regolamento 2016 Mutui agevolati per dipendenti Inpdap I mutui agevolati Inpdap rappresentano una grande opportunità offerta dall’Istituto Nazionale di Previdenza Sociale per tutti i dipendenti pubblici  assunti a tempo indeterminato o anche per i pensionati Inps. Beneficio che consentirebbe di richiedere mutui agevolati Inpdap per l’acquisto della prima casa ma c...
Mutui Inpdap 2017: regolamento e guida utile Con il termine mutui Inpdap 2017 si fa riferimento ai mutui a tasso agevolato erogati dall'INPS che i dipendenti pubblici o statali e i pensionati del settore pubblico possono richiedere per l'acquisto, la ristrutturazione o l'ampliamento della prima casa. Come le soluzioni offerte dalle banche è possibile scegliere tra tasso fisso (2,95%) o var...