Home » News » Tassi ai minimi: come sono andate le cose nei primi tre mesi dell’anno

 

Tassi ai minimi: come sono andate le cose nei primi tre mesi dell’anno

Per quanto riguarda i tassi ai minimi e la situazione del mercato immobiliare nei primi tre mesi dell’anno è bene fare riferimento a Bussola-Mutui, un’indagine condotta dalla Crif e dal portale mutui supermarket.it.

Mutui e tassi: come è andato l’inizio del 2016

L’indagine Bussola-Mutui ha fotografato la situazione dei primi tre mesi del 2016 analizzando non solo i tassi ai minimi, ma anche il numero di richieste di accesso ai mutui, che sono risultate superiori del 31% rispetto al medesimo periodo del 2015.

Questo quadro è frutto della politica monetaria della BCE e del Quantitative Easing, messo in atto ai fini di favorire la ripresa.

Tassi d’interesse: come è la situazione?

Come già ricordato, tra i principali dati che si possono estrapolare dall’ultima Bussola-Mutui è possibile citare i tassi ai minimi. La politica monetaria della BCE ha avuto effetti sia sui mutui a tasso fisso, con un Irs a 20 anni di poco superiore all’1%, sia su quelli a tasso variabile, come dimostra il fatto che l’Euribor 3 mesi si assesta su valori negativi corrispondenti a circa – 0,25%.

A questa situazione va associata una politica commerciale sempre più aggressiva che vede protagonisti gli istituti di credito, sempre più impegnati a proporre promozioni periodiche con l’obiettivo di attirare clienti.

Euribor negativo: quale impatto sulle rate

Discutere di tassi ai minimi significa considerare sia i risultati della Bussola-Mutui, sia gli approfondimenti relativi agli effetti dell’Euribor negativo – uno status quo  che ha colto alla sprovvista tutti gli istituti di credito – sulle rate mensili dei mutui.

C’è chi ha parlato di sottrazione dallo spread fissato nel piano del valore negativo dell’Euribor. Siccome come già specificato gli istituti di credito non si aspettavano questa situazione è difficile capire con precisione cosa faranno, anche se c’è già chi inquadra come improbabile un’attenzione alla lettera alle regole e la conseguente applicazione di un tasso inferiore allo spread previsto dal contratto.

Prezzi in calo: – 3,6% nel primo trimestre 2016

Non di soli tassi ai minimi si parla nella Bussola-Mutui, ma anche dei prezzi degli immobili in calo, fattore che rende ancora più favorevole la scelta di un mutuo finalizzato all’acquisto della prima o della seconda casa.

Per dare qualche numero in merito, possiamo ricordare che i prezzi delle unità immobiliari, considerando il confronto con i primi tre mesi del 2015, sono calati del 3,6% nei primi tre mesi del 2016 (alla fine del 2015 è stato possibile inquadrare una contrazione complessiva pari al 2,4%). A confermare la cosa arrivano anche i dati dell’Agenzia delle Entrate.

Dopo un 2015 caratterizzato da una crescita importante del flusso di mutui erogati ora stiamo assistendo a un consolidamento della ripresa. In tutto questo è essenziale monitorare le contromisure delle banche, che non stanno certamente a guardare davanti alla politica della BCE che determina una perdita di redditività per gli istituti di credito.

Articoli che potrebbero interessarti sui mutui

Mutui Inpdap regolamento 2015: requisiti e richiesta online Mutui Inpdap regolamento: i beneficiari I mutui Inps ex Inpdap sono finanziamenti ipotecari a condizioni agevolate concessi dipendenti e pensionati della pubblica amministrazione che intendono acquistare la casa di residenza. Istituite dall’Inpdap, queste linee di credito sono passate di competenza all’Inps a gennaio 2012 (in seguito alla soppress...
Mutuo Inpdap tassi 2015: acquisto prima casa Mutuo Inpdap tassi 2015 per dipendenti e pensionati L’acquisto dell’abitazione principale è il primo requisito da soddisfare per costituire il proprio nucleo familiare. Un punto d’arrivo per il quale milioni di italiani, non avendo le risorse economiche necessarie, sono costretti a stipulare un mutuo prima casa. Se il richiedente è dipendente o pe...
Mutui Inps ex Inpdap 2015: 300 mila euro a tasso agevolato Mutuo ipotecario Inps ex Inpdap: cos’è e chi può richiederlo Il Decreto Salva Italia varato dal Governo Monti ha definito la soppressione dell’Inpdap in favore dell’Inps. Da gennaio 2012, infatti, tutte le pratiche degli iscritti ex Inpdap sono di competenza dell’Inps, che ha istituito la Gestione Dipendenti Pubblici. Tale ufficio, si occupa di ga...
Calcolare mutuo Inpdap 2017: come fare? Il calcolo del mutuo Inpdap 2017 risulta essere un procedimento meno complesso di quanto si possa immaginare. Ecco come procedere e che portale utilizzare se si hanno delle grandi difficoltà nello svolgere tale operazione. I dati necessari per poter effettuare il calcolo Per prima cosa occorre parlare del fatto che questo genere di calcolo, nece...
Mutui a tasso variabile 2015: quali sono i valori aggiornati? Come ottenerli? L’accensione di mutui a tasso variabile in questi mesi risulta particolarmente vantaggiosa. Vediamo per quale motivo e cosa offrono in merito i vari istituti di credito. Mutui tasso variabile oggi: perché sono vantaggiosi? Per capire il motivo dei vantaggi connessi ai mutui a tasso variabile bisogna guarda alle decisioni del consiglio direttivo d...